Alexa Unica Radio
campagna amica

Campagna amica Sardegna. Combattere gli sprechi alimentari si può

La Giornata nazionale contro lo spreco alimentare metto a nudo le contraddizioni e le assurdità della nostra società

Secondo l’analisi Coldiretti su dati Waste Watcher International. In media nella spazzatura degli italiani finiscono quasi 31 chili all’anno di prodotti alimentari. Circa il 15% in più rispetto allo scorso anno per una valore complessivo di quasi 7,4 miliardi euro.

Basti solo dire che tagliando gli sprechi alimentari delle famiglie italiane sarebbe possibile imbandire adeguatamente la tavola dei circa 3,2 milioni di poveri. In Italia con l’emergenza Covid sono costretti a chiedere aiuto per il cibo con pacchi alimentari o pasti gratuiti in mensa o nelle proprie case.

Un modello basato sul Km0, sull’orticoltura urbana, sulla tutela della biodiversità, sul consumo responsabile ed etico, in cui lo spreco alimentare, a qualunque livello, viene ridotto drasticamente. In particolare, i mercati di Campagna Amica, accorciando la filiera, offrono ai consumatori cibi freschi, che si conservano di più, che non hanno percorso lunghe distanze e hanno inquinato meno.

Nel concreto consente di recuperare e vendere online, a prezzi ribassati, il cibo invenduto della giornata. In questo modo i commercianti riducono lo spreco di cibo, i nuovi clienti acquistano e provano prodotti ad un prezzo vantaggioso ed entrambi.

About Carla Corriga

Ciao, sono una ragazza di ventitré anni, frequento il corso di beni culturali e spettacolo all'Università di Cagliari. Mi definisco una persona ambiziosa, con tanta voglia di imparare e crescere, credo che quello che mi aspetterà qua con voi sarà bellissimo e divertente. Non vedo l'ora di iniziare !

Controlla anche

man g5f7b2b4d0 1920

Boom di truffe e frodi informatiche nell’Isola, +89%

Get Widget Report Confartigianato, Sardegna sesta in Italia Nell’ultimo decennio, in Sardegna i reati informatici denunciati dalle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.