Alexa Unica Radio
dieta chetogenica

Dieta chetogenica, ecco perché sceglierla!

Gennaio è il mese perfetto per rimettersi in forma. Allora spazio alle nuove abitudini in ambito alimentare, è tempo di rinnovamento!

Gennaio è il mese perfetto per porsi nuovi obiettivi, adottare buone abitudini e rimettersi in forma. Insomma, dopo le festività, è il momento ideale per intraprendere una dieta.
Certo, per molte persone questo sarà un leitmotiv ormai privo di senso, vista l’inutilità di iniziare l’ennesima dieta ipocalorica per ottenere scarsissimi risultati, a fronte di sacrifici, rinunce e privazioni; per poi riprendere, al più tardi a Pasqua, i chili persi con gli interessi. Ebbene, come affermò Thomas Jefferson, anche per l’alimentazione vale il principio: “Per ottenere risultati mai avuti prima, bisogna compiere azioni mai fatte prima”. Fortunatamente, oggi si parla sempre più di chetogenica e low carb, un’alimentazione rivoluzionaria. Chiaramente, i pareri che circolano in merito alla dieta chetogenica sono discordanti, dal momento che, come ogni novità, è soggetta a giudizi sommari e superficiali da parte di chi, per paura o pigrizia, rifiuta il nuovo, lo sconosciuto, per rimanere nella propria zona di comfort.

Chetogenica, molto più di una moda

La chetogenica o low carb è una dieta antica, tutt’altro che modaiola. Si tratta di un regime alimentare sviluppato, negli anni Venti del Novecento, ad Harvard, dai ricercatori: Stanley Cobb e William Gordon Lennox, come cura alternativa al digiuno per l’epilessia.
Questi due studiosi, prendendo in esame un gruppo di pazienti pediatrici, notarono che un regime alimentare caratterizzato dalla drastica riduzione dei carboidrati provocava gli stessi effetti benefici del digiuno nei pazienti. In entrambi i casi, l’organismo reagiva alla carenza di glucosio utilizzando i grassi come fonte di energia, attraverso la produzione di molecole che definirono chetoni.

I nuovi studi e la scoperta dei benefici della dieta

Nonostante l’efficacia della cura, con l’avvento dei farmaci, l’interesse per la dieta chetogenica passò in secondo piano, fino agli anni Settanta del Novecento.
 
A cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta, Peter Huttenlocher, neurologo all’Università di Chicago, finalizzò la scoperta dei grassi a catena media MCT – Medium-chain triglycerides, fortemente chetogenici, come l’olio di cocco. Tale scoperta si rivelò essenziale per modificare le percentuali dei macronutrienti nella dieta chetogenica, rendendola più facile e accessibile.
Nello specifico, grazie alla scoperta dei grassi MCT, fu possibile portare la percentuale di carboidrati dal 5% al 10%, quella delle proteine dal 10% al 20% e quella dei grassi dall’85% al 70%, senza diminuire i benefici derivanti dalla dieta. Tuttavia, l’interesse per questo regime alimentare rimase ancora basso, fino agli anni Novanta del Novecento in cui, negli Stati Uniti, ripartirono gli studi sulla dieta chetogenica.

L’interesse scientifico

Oggi, anche in Italia, tale regime nutrizionale inizia a destare l’interesse del mondo scientifico per la sua capacità di contrastare diverse patologie. La dieta chetogenica, si basa sul principio per cui l’organismo, una volta esaurite le fonti esterne di glucosio, entra in uno stato di chetosi (che non ha nulla a che vedere con la chetoacidosi: stato patologico grave che si può verificare solo in determinate condizioni di malattia) iniziando così a bruciare i grassi come fonte di energia. In altre parole, il corpo umano non va mai in carenza di glucosio dal momento che riesce a produrlo autonomamente.
 
Del resto, senza questo procedimento metabolico la specie umana si sarebbe estinta alle origini, dal momento che nella preistoria l’alimentazione era pressoché priva di zuccheri o carboidrati. A partire dai grassi l’organismo, nel fegato, produce i chetoni, molecole che rappresentano una fonte di energia privilegiata per i muscoli, il cuore e, soprattutto, per il cervello. Motivo per cui la dieta chetogenica fu usata in primis nella cura dell’epilessia. In più, numerosi studi hanno dimostrato che i chetoni oltre a fornire energia, sono molecole “di segnale” con potente effetto antinfiammatorio, antiossidante e antibatterico.

Regime alimentare rivoluzionario

Chiaramente, rispetto a quanto ci è stato sempre detto su come stare in forma e perdere peso, la dieta chetogenica rappresenta un regime alimentare rivoluzionario che sovverte le più radicate credenze in fatto alimentare, facendo dei grassi il macronutriente e la fonte di energia principale dell’alimentazione. Del resto, dati e ricerche dimostrano che la demonizzazione dei grassi a favore dei carboidrati, – gli zuccheri – posti negli ultimi quarant’anni alla base della piramide alimentare occidentale, ha portato ad un preoccupante aumento del tasso di obesità, alla diffusione del diabete e di malattie cardiovascolari. Dunque, una revisione delle scelte alimentari, sulla base di più recenti evidenze scientifiche è pressoché doverosa.

Perché sceglierla

Questo non equivale ad optare per una dieta iperproteica ma per un’alimentazione in cui, a fronte di un consumo mi
surato di proteine, cereali raffinati e frutta, si preferiscono verdure condite abbondantemente. La dieta chetogenica pone alla base della piramide alimentare i grassi, come olio di cocco, olio d’oliva, burro chiarificato, avocado; seguiti da un giusto quantitativo di proteine di buona qualità e, infine dai carboidrati, come verdure – che saranno abbondanti – e in minima parte frutta.
 
Studi e ricerche hanno dimostrato che un regime alimentare del genere ha, in breve tempo, conseguenze benefiche sull’organismo, non solo in termini di perdita di peso, ma anche di aumento delle energie, delle capacità mnemoniche, miglioramento della qualità del sonno, riduzione di dolori articolari o muscolari.
“Secondo molti medici e studiosi, la dieta chetogenica o low carb, è il miglior regime alimentare possibile. Tuttavia,” ha spiegato Fabrizio Mellone, “per molte persone, soprattutto nel nostro Paese, si tratta di un’alimentazione insostenibile per lunghi periodi di tempo.” “Per questo” ha continuato Fabrizio Mellone “abbiamo creato, all’interno di Lightflow, Carbolight: una linea di prodotti ideata per chi desidera curare la propria salute, senza cambiare le abitudini e rinunciare al gusto.” “Non solo però.” Ha specificato Mellone: “I prodotti Carbolight, composti prevalentemente di fibre come l’inulina, l’oligofruttosio e l’amido resistente, non favoriscono solo la perdita di peso ma, in generale, la salute dell’intero organismo.
 
Le fibre, infatti, sono nutrienti scarsamente presenti nell’alimentazione occidentale, eppure fondamentali per la buona salute del microbiota intestinale e, dunque, di tutto il corpo.” “Senza voler anticipare nulla del prossimo studio che pubblicheremo a breve,” ha concluso Fabrizio Mellone, “voglio sottolineare che un regime dietetico si rivela definitivo nel tempo quando incide sul microbiota intestinale, ovvero quando il dimagrimento non è solo superficiale ma crea una memoria interna di sé, attraverso un miglioramento qualitativo e quantitativo dell’ecosistema che popola il nostro intestino.”

About Marco Fadda

Cittadino del mondo. Amo viaggiare e il confronto con nuove culture, mantenendo però le mie radici ben salde alla mia terra. Appassionato di letture fantasy e scienza.

Controlla anche

ginecologia

Ginecologia e minori, convegno a Cagliari anche su abusi

Get Widget Presiede Anna Maria Fulghesu, del Policlinico Casula. Le malattie ginecologiche in età pediatrica …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.