Alexa Unica Radio
gunghi micologia musica sperimentale

Funghi funky? I musicisti che creano melodie con i funghi

L’artista musicale MycoLoco si presenta sulla sua pagina Bandcamp con la frase: “Coltivo funghi gourmet e li collego ai sintetizzatori”.

MycoLoco, vero nome Noah Kalos, è un micologo (biologo specializzato nella scienza dei funghi) con sede in North Carolina. L’artista descrive la sua musica come “una collaborazione creativa tra umani, funghi e macchine”, che nel suo senso più elementare è esattamente questo. Per poter “suonare” i suoi funghi gourmet, MycoLoco utilizza un “modulo di sonificazione dei dati biologici” e collega i funghi a un sintetizzatore.

Dai follower e dal numero di visualizzazioni che MycoLoco ha accumulato su YouTube, Instagram e TikTok, è chiaro che esiste un pubblico per questo nuovo genere di musica. E non è l’unico artista ad unirsi alla tendenza della musica micologica. Tarun Nayar di Vancouver, è cresciuto imparando la musica classica indiana , che ha fortemente ispirato la sua scoperta della musica dei funghi.

“Ho imparato che la musica classica indiana è fortemente influenzata dalle vibrazioni”, ha detto in una recente intervista. Nota che la sua formazione nel genere lo aiuta a dare un senso a ciò che “le piante stanno cercando di dire”.

La bioelettricità diventa musica

Nayar continua: “Uso varie tecniche per sfruttare la bioelettricità delle piante e la risonanza naturale della Terra che va oltre lo spettro udibile dell’orecchio umano”.

“Le piante non creano musica da sole. Uso il movimento dell’acqua all’interno di queste piante come resistenza elettrica. Quindi, quando collego i cavi dei circuiti a loro, anche piccoli cambiamenti nella suddetta resistenza dovuti alla carica bioelettrica naturale della pianta si manifestano come note di musica.

Il compositore americano, John Cage , non è stato solo uno dei compositori più influenti del XX secolo, ma è stato anche un grande amante dei funghi. Cage era un micologo dilettante entusiasta e persino co-fondatore della New York Mycological Society.

L’influenza della natura

Durante un viaggio in Italia per visitare il suo amico e collega compositore, Luciano Berio , Cage è apparso nel quiz televisivo italiano Lascia o raddoppia . La sua materia specialistica? Avete indovinato, funghi. E la sua esperienza nel settore gli è valsa il jackpot di 5 milioni di lire.

Cage in realtà ha avuto una chiamata molto ravvicinata a causa dei suoi funghi preferiti, quando un viaggio di foraggiamento lo ha portato in ospedale. Aveva ingerito accidentalmente dell’elleboro velenoso, che aveva scambiato per un cavolo puzzola. Se il compositore non fosse stato curato entro 15 minuti dal suo ricovero in ospedale, sarebbe morto.

Nonostante ciò, i funghi hanno continuato a influenzare Cage, e ciò ha portato al libro dei funghi di Cage del 1972 e alla sua poesia del 1983 “Mushrooms et Variationes”.

Gary Lincoff, un ex presidente della North American Mycological Society, ha affermato che “Cage credeva di poter sentire i funghi nei boschi, ma penso che [lo abbia detto] con ironia”.

Con ironia o no, gli amici fungini di Cage ora hanno la tecnologia per esprimersi musicalmente, e siamo interessati a vedere quali altri materiali viventi saranno i prossimi a fare musica usando la bioelettricità.

About Redazione

Nata l'8 ottobre 2007 da un progetto di tre studenti universitari. Unica Radio vuole raccontare il territorio, la cultura e le attività dell'hinterland attraverso la voce dei protagonisti. Unica Radio racconta la città che cambia

Controlla anche

innovazione agricoltura 810x540 1

Bayer la crescita per un’agricoltura sostenibile

Nuove soluzioni: Bayer sulle più recenti tecnologie agricole per ridurre l’impatto ambientale e risolvere le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *