Alexa Unica Radio
dieta equilibrata

Salute e benessere: come recuperare il proprio peso forma

Recuperare il proprio peso forma non è un’impresa complicata e irta di sacrifici, basta seguire alcuni accorgimenti, nonché consigli medici, per ritrovare la propria linea

Di sicuro, andranno a inficiare metodi naturali e stile di vita, una sinergia che occorre bilanciare al fine di ottenere risultati durevoli nel tempo. Ciò significa che non bisogna avere fretta di dimagrire, ma dare modo all’organismo di recuperare il peso corretto.

Molte persone si affidano anche agli integratori alimentari, con l’obiettivo di accelerare il metabolismo e bruciare grassi più in fretta. In tal senso uno dei più richiesti è lintegratore dimagrante reduslim che, se associato ad un’alimentazione bilanciata e ad una costante attività sportiva, può contribuire al miglioramento della forma fisica.

L’aiuto degli integratori alimentari

Abbinati a uno stile di vita idoneo, gli integratori possono aiutare l’organismo a sgonfiarsi e depurarsi, specie a livello addominale; ma senza dimenticare una dieta sana e ricca di vitamine. Naturalmente, in fase di scelta è importante prendere visione degli ingredienti che compongono il prodotto prescelto.

Uno degli ingredienti spesso presente negli integratori dimagranti, come nel caso di Reduslim, è la caffeina. Questa è nota proprio per la sua azione stimolante a livello metabolico. Sono molto impiegati anche gli estratti di tè verde, dalle proprietà depurative e altamente antiossidante; il rinnovo cellulare ne è quindi promosso e i grassi vengono bruciati in maniera più rapida. Talvolta, s’inserisce persino il pepe; sia quello classico che di Cayenna non solo sono sinergici a livello metabolico, ma aumentano i livelli di sazietà, aiutando a mangiare meno.

Esistono poi principi attivi meno noti ma ugualmente presenti nelle formulazioni più complete; ad esempio, il Colenolo, oppure la radice di Yacon, riducono a loro volta l’appetito e favoriscono le funzioni dell’intestino. In maniera analoga funzionano la proteasa e la lipasa che consentono una digestione più agevole e il cromo che, ancora una volta, induce sazietà. Tutto questo è spiegato su reduslim.bio, portale di informazione specializzato su questo particolare integratore.

Stile di vita e sport per ritrovare il proprio peso forma

Uno stile di vita sano comincia con l’eliminazione di fattori di rischio importanti quali il fumo e l’eccesso di bevande alcooliche. A ciò va unita un’attività fisica costante, anche se non necessariamente pesante. Bastano un paio d’ore in palestra, magari anche casalinga (in commercio esistono svariati attrezzi dedicati, dalle cyclettes ai tapis roulant); laddove proprio non sia possibile, anche una sana passeggiata, meglio ancora se in mezzo alla natura.

In ogni caso, prima di avventurarsi in attività fisiche che potrebbero anche essere poco idonee, meglio consultarsi con il proprio medico. Laddove il peso corporeo sia importante o le problematiche diffondersi anche a livello articolare, meglio optare per una ginnastica leggera consigliata dallo specialista.

L’alimentazione, naturalmente, deve essere quanto più bilanciata possibile e prevedere molta verdura, carni bianche e carboidrati quanto basta. Molti nutrizionisti, infatti, tendono a non eliminare i carboidrati, che sono comunque il “motore” dell’organismo, ma a ridurli prediligendo quelli integrali che contengono più fibre e inducono sazietà. Per quanto concerne le proteine, i legumi sono un ottimo sostituto della carne, anche se possono dare, in alcuni casi, una sensazione di gonfiore.

Banditi il più possibile dolci e cibi grassi, così come tutto ciò che preveda metodi di cottura elaborati. Cuocere al vapore o ai ferri, ma anche al forno, consente di usare meno oli che, a proposito, meglio utilizzare a crudo. Un buon olio extravergine di oliva si può inserire in una dieta, di norma nell’ordine di un cucchiaio totale a pasto; anche qui, il medico nutrizionista sarà fondamentale per stabilire il regime più adeguato.

About Michela Serreli

Diplomata al liceo scientifico Euclide di Cagliari e laureanda in Lingue e comunicazione presso l'Università degli Studi di Cagliari. Appassionata di giornalismo e cinema.

Controlla anche

luspatercept

Luspatercept: nuova terapia per la beta-talassemia

Get Widget Raffaele Vindigni: “Luspatercept permette di sottoporci a trasfusioni ogni 40-45 giorni anziché ogni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.