Alexa Unica Radio
natura

Clima, ambiente, biodiversità: buone e cattive notizie del 2021

Il bilancio del Wwf notizia: “E’ mancata un’effettiva volontà di cambiare economia, politiche e stili di vita, sottovalutati gli effetti su clima, ecosistemi e salute”

Un anno di ambiente tra successi e occasioni mancate. A tracciare il bilancio di questo 2021 che sta per chiudersi è il Wwf che stila la lista delle buone e delle cattive notizie. Partiamo dalle prime.

Clima: dalla Cop26 di Glasgow esce rafforzato il limite di 1,5°C al riscaldamento globale. Vengono presi importanti impegni volontari tra alcuni Paesi, tra cui la Beyond Oil & Gas Alliance (Boga). Il Parlamento Europeo ha approvato le strategie Biodiversità 2030. Farm to Fork, che fissano importanti obiettivi per la tutela del 30% delle nostre terre e dei nostri mari entro il 2030.

Suolo: il 17 novembre 2021 la Commissione Europea ha presentato la nuova Strategia per il suolo per il 2030.“Raccogliere i benefici di suoli sani per le persone. Come il cibo, la natura e il clima”: un altro importante strumento per l’attuazione del Green Deal in Europa.

Foreste: a novembre è arrivata finalmente la notizia al Parlamento Europeo proposta di legge contro la deforestazione ‘importata, cioè legata alla produzione di beni o commodities (carne bovina, cioccolato ecc). L’Unione Europea anticipa la prossima uscita della Restoration Law focalizzata proprio sul ripristino degli ecosistemi naturali, in coerenza con quanto stabilito dal Green Deal europeo.

Biodiversità: qualcosa si è mosso sul fronte internazionale, dall’iniziativa Nature Compact dei Paesi del G7 al comunicato conclusivo del G20 e la Dichiarazione di Kunming. In occasione della prima Sessione della Cop15 sulla Biodiversità. Si è dato un forte impulso alla richiesta di “un obiettivo globale per la natura”. Da adottare entro il 2022.

Mediterraneo: la commissione generale per la Pesca in Mediterraneo ha dato la notizia mportanti per la gestione sostenibile degli stock ittici. Mitigare le catture accidentali di squali e altre specie, contrastare la pesca illegale e creare nuove zone chiuse alla pesca e rafforzare le politiche di salvaguardia della piccola pesca.

 

About Carla Corriga

Ciao, sono una ragazza di ventitré anni, frequento il corso di beni culturali e spettacolo all'Università di Cagliari. Mi definisco una persona ambiziosa, con tanta voglia di imparare e crescere, credo che quello che mi aspetterà qua con voi sarà bellissimo e divertente. Non vedo l'ora di iniziare !

Controlla anche

femminile

Corso gratuito per influencer ambientali

Get Widget TDM 2000 International ETS e TDM 2000 odv realizzano il corso di formazione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.