Alexa Unica Radio
sime
sime

Sime, 23 dicembre prima Giornata nazionale della medicina sociale

La Società italiana di medicina estetica (Sime), quale realtà accreditata presso il ministero della Salute e aderente alla Federazione nazionale delle Società medico scientifiche, organizza la prima Giornata nazionale della medicina sociale.

Alcune malattie spesso determinano un coinvolgimento emotivo devastante per molti pazienti. Tra queste le patologie oncologiche sono sicuramente quelle responsabili, per le terapie attuate nel periodo di cura, di cambiamenti del proprio aspetto fisico. In questo contesto, la Società italiana di medicina estetica (Sime), quale realtà accreditata presso il ministero della Salute e aderente alla Federazione nazionale delle Società medico scientifiche, organizza per il 23 dicembre, la prima Giornata nazionale della medicina sociale.

I farmaci utilizzati in chemioterapia – spiega il presidente Sime Emanuele Bartoletti – non hanno selettività sulle cellule malate (neoplastiche) e colpiscono le cellule soprattutto in fase duplicativa, come le cellule della pelle e degli annessi cutanei (unghie e capelli). Determinano quindi una perdita di peli e capelli ed un’alterazione della crescita della lamina ungueale. Queste lesioni secondarie (desquamazione, ipercheratosi, fissurazioni, ulcerazioni, xerosi, prurito, perdita di capelli ed alterazioni ungueali) sono molto più di un problema estetico. Infatti molto spesso inducono il paziente ad interrompere le terapie; in questo modo si privano di un’efficace possibilità terapeutica, oltre ad avere un forte impatto psicologico”.

Per questo, la Sime, da sempre al fianco delle donne affette da patologie oncologiche, con questa giornata apre un contact center dedicato. L’indirizzo è [email protected]. Scrivendo, tutte le pazienti che si trovano nell’esigenza di assumere informazioni circa le migliori iniziative sociali di Medicina estetica oncologica possano trovare risposte puntuali e precise. Attraverso questo servizio gratuito, potranno essere presentate tutte le possibilità che un servizio di medicina estetica in oncologia può fornire ai pazienti nell’assistenza alla cura e nella velocizzazione del reinserimento sociale. In questo modo si garantisce quella corretta competenza necessaria sulle specifiche conoscenze in grado d’individuare per ogni singola persona la terapia più adatta.

Leggi anche:

Superenalotto: centrato il 5 a Samugheo, vinti 99mila euro

Mostra quotidiana Bellezza, arte Cultura Paesaggio

Medicina estetica: la Federico II rilancia con l’assistente 4.0

Ied: corso di Fashion Design per essere alla moda

I danni della chirurgia estetica

About Nicola Palmas

Imprenditore digitale e manager culturale. Founder & CEO della startup Billalo, direttore artistico di Sardegna Concerti. Appassionato di musica, innovazione e marketing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.