Alexa Unica Radio
Rondò Crivaro Pisano 1
Rondò Crivaro Pisano 1

Rondò final: Il 19 e 20 dicembre prima regionale per il film di Crivaro, Pisano e D’Agostino

Rondò final: Il rito fuori dal tempo della festa di Sant’Efisio sul grande schermo attraverso un immaginario visivo sul cinema e sulle comunità

Prima regionale per Rondò final, il film che attraversa per immagini un rito fuori dal tempo – quello della festa di Sant’Efisio – che si ripete da 365 anni pressoché immutato. Un immaginario visivo che riflette sul cinema, sullo sguardo, sui riti, sulle comunità.

Appuntamento a Cagliari, domenica 19 dicembre alle 11 al Greenwich di via Sassari, e lunedì 20 dicembre alle 20,00 all’UCI-Cinemas di piazza Unione Sarda, nell’ambito della rassegna Cinema di seconda mano 3. Durante le proiezioni saranno presenti gli autori del film, alcuni membri della troupe e il direttore della Cineteca Sarda Antonello Zanda.

Il lavoro di Gaetano Crivaro, Margherita Pisano e Felice D’Agostino, prodotto da Ruga Film e L’Ambulante con la partecipazione di Virage, sostenuto dalla Società Umanitaria Cineteca Sarda di Cagliari e realizzato con il contributo della Legge Cinema della Regione Sardegna, ripercorre cento anni di immagini filmate della festa, immagini cercate e ritrovate, frammenti di pellicola, nastri di famiglia, pixel. Un lavoro di montaggio che si fa esperienza, alla ricerca di quello che sfugge, di quello che resta, in un tempo sospeso tra sogno e ricordo.

Tutto parte da un’immagine, un quadro capace di racchiudere in sé passato, presente e futuro. E del rituale inizia il processo di accumulazione, di immagini e suoni, che dura anni, che si ripete negli anni e si fa archivio. E non sazi si esplora in altri sguardi, o nei propri sguardi proiettati su immagini altrui. Si esplorano alcuni fondi filmici conservati dalla Cineteca sarda di Cagliari, (come il fondo di Nino Solinas, Salvatore Bruno, Antonio Vodret, Francesco Muntoni, Fausto Lai e altri) e si cercano e si incontrano altri sguardi ancora, come quello dell’antropologo Felice Tiragallo, o del cineamatore Salvatore Carboni.

In concorso internazionale al Vision du Réel, unico film italiano in concorso internazionale al Festival dei popoli per la sezione mediometraggi, Rondò final è stato accolto con entusiasmo e interesse dalla critica e dal pubblico di tutta Italia, ed è reduce dalle ultime proiezioni alla 46esima edizione del Laceno d’oro in Campania, e al festival Unarchive di Roma dedicato al cinema d’archivio.

Immagini, suoni, fogli di carta, testi letterari, pellicole, vhs, pixel, voci sussurate, avvisi da megafoni, canti, conversazioni telefoniche, tintinnii, sirene, passi, ombre di sguardi e tempi diversi.

Tutto diventa “archivio” da cui attingere per dirottare, deviare, sottrarre e comporre. Materiali appropriabili che diventano territori attuali da esplorare e reinterpretare. Nulla quindi resta archivio, perché tutto diventa materia viva.

Il titolo del film riprende uno dei più vividi racconti della festa cagliaritana del primo maggio, quello tratteggiato da Sergio Atzeni nell’omonimo Rondò final, pubblicato postumo nella raccolta I sogni della città bianca. Le parole dello scrittore risuonano nel film sino a ricostruire la suggestione di un tempo sospeso, di uno spazio altro: «Un attimo di sospensione, nell’aria: come la pausa di silenzio di un’orchestra, un attimo prima del rondò final».

Il film è realizzato all’interno di uno dei laboratori di sperimentazione cinematografica che da diversi anni L’Ambulante porta avanti a Cagliari. L’Ambulante è un laboratorio di ricerca, nato nel 2014, che sperimenta l’interazione fra arti visive, territori, città e abitanti attraverso iniziative culturali e di ricerca urbana.

BIO REGISTI

Gaetano Crivaro (1983) è un regista e videoartista con base a Cagliari. Dal 2009 realizza numerose opere (I Love benidorm – premio del pubblico al DocumentaMadrid2010 , Good Buy Roma vincitore di numerosi premi e selezionato in numerosi festival ( come Bellaria FF / Cinemigrante / Addis IFF); El Vagon (Premio Visioni Sarde – Festival Visioni Italiane 2015); Radio Migrante (Cinema Verité – 2016). Il soggetto per il film STRETTO ORIZZONTE è finalista al Premio Solinas 2012. Nel 2014 co-fonda L’Ambulante con cui nel 2015 avvia il progetto di ricerca e sperimentazione VideoRitratti.

Margherita Pisano (1981) è una ricercatrice indipendente e documentarista. Si occupa di tematiche legate al diritto alla città, alle pratiche di trasformazione della città dal basso e alle potenzialità d’uso del cinema nell’interazione con i territori. Nel 2011 realizza Good Buy Roma,vincitore di numerosi premi e selezionato in numerosi festival ( come Bellaria FF / Cinemigrante / Addis IFF). Nel 2014 co-fonda L’ambulante per cui realizza diversi progetti: Hey Boys (2019), En Route (2018), Gente di Bogotà (2017) selezionati in numerosi festival nazionali e internazionali.

Felice D’Agostino (1978) lavora da 20 anni come regista, operatore e montatore. Le sue opere, realizzate quasi tutte in Calabria insieme ad Arturo Lavorato, sono state presentate in numerosi festival e hanno ricevuto numerosi premi come il Premio Orizzonti alla 68° mostra del Cinema di Venezia, miglior documentario al Torino Film festival nel 2005, il premio Casa Rossa Doc al Bellaria Film Festival nel 2006 e una menzione speciale ai Nastri D’Argento nel 2012. Vive e lavora tra Parigi e l’Italia.

About Tore Seduto

Classe 1989. Appassionato cinefilo a 360°, degustatore di birre e di pizze. Amante dei bei film, ma anche di quelli brutti, davvero brutti. Si è cimentato come regista in lavori discutibile fattura. Irriducibile cacciatore di interviste agli addetti ai lavori della settima arte.

Controlla anche

cagliari via roma

Cagliari, anche quest’anno, niente corteo per Sant’Efisio

Get Widget Tutto in una sola giornata, l’1 maggio, e niente corteo di fedeli con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.