Alexa Unica Radio

Aumento energia, preoccupazione Confartigianato Sud Sardegna

Mereu e Spada manifestano la preoccupazione per i posti a rischio


Le imprese e la dirigenza di Confartigianato Sud Sardegna esprimono forte preoccupazione per le conseguenze socio-economiche che il costo dell’energia avrà sul territorio del Sulcis, che conta 9745 imprese e offre lavoro a circa 50mila persone.
“Se i 400 dipendenti diretti del polo di Portovesme rischiano di rimanere a casa, alcune decine di imprese di fornitura indiretta potrebbero dover chiudere per sempre la loro attività.

Ciò causerebbe un gravissimo rimbalzo negativo sull’occupazione e sull’economia del territorio”.

Gli aumenti


Secondo le analisi effettuate dall’Ufficio Studi di Confartigianato Imprese Sardegna, nel 2021 il Prezzo Unico Nazionale dell’energia elettrica è salito del 138% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Il prezzo del gas è salito del 228% rispetto ad un anno prima e del 78% rispetto al 2019. In salita anche i prezzi dei carburanti: dei primi nove mesi del 2021 il gasolio ha una quotazione del 25,5%. Da settembre, in ogni caso, il costo dell’energia e dei carburanti è continuato a crescere.
Per tutti questi fattori, l’escalation dei prezzi sta aggravando le condizioni di minore competitività delle imprese italiane.

Il costo per l’energia elettrica per le micro e piccole imprese (MPI) italiane che consumano fino a 20 MWh è il più il elevato in Ue, con un divario del 18,1% rispetto ai prezzi medi europei. Sui costi delle imprese grava un’alta tassazione dell’energia, pari al 2,7% del PIL. Sul gap di prezzo dell’energia elettrica influiscono gli oneri fiscali e parafiscali.

La sterilizzazione in cantiere

L’intervento di sterilizzazione in cantiere dovrà tenere conto dello squilibrio del prelievo per oneri generali sull’energia elettrica.

I clienti non domestici di bassa tensione pagano il 33,2% degli oneri generali, risultando il segmento maggiormente penalizzato.
“Gli aumenti vanno bloccati sia per le imprese sia per le famiglie.

E’ una situazione molto delicata che sta costringendo i piccoli imprenditori a caricarsi i costi degli altri utenti”. “Il Decreto Sostegno bis ha avviato una riduzione degli oneri generali di sistema nelle bollette delle piccole imprese – concludono Presidente e Segretario di Confartigianato Sud Sardegna – ora attendiamo di vederne gli effetti per far calare il costo dell’energia che compromette la competitività delle nostre aziende e ostacola gli sforzi per agganciare la ripresa. In ogni caso, il meccanismo degli oneri generali di sistema va completamente ripensato, da un lato ripartendo in modo più equo il peso degli oneri tra le diverse dimensioni d’azienda, dall’altro spostando parte del peso dalla bolletta alla fiscalità generale”.

Contatti


WWW.CONFARTIGIANATOSARDEGNA.IT

Responsabile Ufficio Stampa Confartigianato Imprese Sardegna Federico Marini

Cellulare 3384868726
Via P.Sarpi 1 – 09131 Cagliari

tel 07044891

fax 07044893

[email protected]

www.confartigianatosardegna.it

Fb: Confartigianato Imprese Sardegna

Twitter: ConfartigianatoSard @Confartigianat2

About Elena Marongiu

Diplomata presso l'Istituto Tecnico Commerciale E. Mattei di Decimomannu (SU) con titolo di Ragioniere Perito Commerciale Programmatore il 6 luglio 2015. Laureata in Lingue e Comunicazione il 14 novembre 2018 presso l'Università degli Studi di Cagliari. Appassionata di autobiografie scritte e visive e libri che trattano i temi della società contemporanea e moderna

Controlla anche

REGISTA

Tv: su Al Jazeera docu racconta fabbrica bombe in Sardegna

Esce su Al Jazeera per la serie Close Up, il nuovo documentario della regista sardo-australiana …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *