Alexa Unica Radio

Domenica 21 concerto del Trio BaroqueMuSic

Domenica un programma che fa nascere un linguaggio degli strumenti

Domenica 21 novembre alle 20.30 appuntamento nella Chiesa di Santa Maria di Betlem per il concerto del Trio BaroqueMuSic, formato dai Maestri Giorgio Matteoli al flauto dolce, Calogero Sportato all’arciliuto, tiorba e chitarra barocca e Attilio Motzo al violino barocco. L’arte della variazione su bassi ostinati, temi di danza e madrigali nella musica del primo Seicento saranno i temi su cui sarà incentrato il penultimo concerto in cartellone per la rassegna “note senza tempo” di domenica organizzata dall’associazione Dolci Accenti.
Un programma brillante e virtuosistico che esplora il repertorio che, tra Tardo Rinascimento e primo Barocco, porta allo sviluppo espressivo della “monodia”.
E’ proprio grazie all’arte del “passeggiare”, ovvero diminuire temi e madrigali noti che gli strumenti sviluppano infatti un loro idioma. Un programma che ben si sposa e adatta perfettamente al trio:formato da violino barocco, flauto dolce e tiorba, arciliuto e chitarra barocco.

Il programma musicale


A. FALCONIERO (1585 – 1656) Passacaglia a tre
C. DE RORE (1515 – 1565) “Ancor che col partire” – madrigale
G.B. SPADI (sec.XVI – sec. XVII) e R. ROGNONI (c.a. 1550 – c.a 1620):
Diminuzioni sul madrigale “Ancor che col partire”
G. B FONTANA (1570 circa – 1622) Sonata seconda a canto e basso
M. UCCELLINI (1603 – 1680) Aria sopra la Bergamasca
G. B FONTANA (1570 circa – 1622) Sonata terza a canto e basso
G. FRESCOBALDI (1583 – 1643) Due “canzoni” a due soprani e basso
FALCONIERO (1585 – 1656) Ciaccona Sonata “L’Eroica” e Follia a Tre
Prenotazioni
Per rispettare i protocolli sanitari contro la trasmissione del coronavirus, quest’anno i posti disponibili saranno contingentati e dovranno essere prenotati collegandosi al sito web del festival www.notesenzatempo.it ad un costo simbolico.

I prossimi appuntamenti


19 dicembre h 20.30
“Antonio Stulichi e il manoscritto di Napoli”
Dolci accenti ensemble
Jana Bitti – flauto traverso
Daniele Cernuto – violoncello barocco
Calogero Sportato – tiorba, arciliuto e chitarra alla spagnola
Luca Virgilio – Clavicembalo

Novità 2021 è la sempre più marcata collaborazione con il portale JSBach.it, la società bachiana italiana, nata per favorire, promuovere e diffondere iniziative, risorse e progetti incentrati su Johann Sebastian Bach in Italia. Il progetto è nato a settembre 2019 da un’idea di Chiara Bertoglio e Maria Borghesi, e dalle loro recenti ricerche sullo stato delle attività e degli studi italiani dedicati a Johann Sebastian Bach.
Lo staff del portale, oltre a seguire gli eventi sui loro canali social, guidano all’ascolto dei concerti attraverso pillole introduttive per presentare i programmi in cartellone.
Lo Staff
il festival è il frutto di un attento lavoro di squadra, che dura un anno intero, e che coinvolge circa venti giovani musicisti under 25, che lavorano dall’ideazione alla realizzazione.
Un festival social, smart ed ecosostenibile: grazie al giovane staff, attento alla salvaguardia dell’ambiente, già dalla prima edizione in periodo pre-covid, si è deciso di dematerializzare il programma di sala, oggi scaricabile sullo smartphone, attraverso un QR CODE dedicato.

I sostenitori


A credere per il secondo anno nel valore di questo progetto di respiro internazionale, che crea ponti di sicuro prestigio tra Sassari e le principali capitali europee della musica, è la Fondazione di Sardegna, il Comune di Sassari, Confesercenti e Coldiretti che camminano al fianco del festival, sfruttando quest’ultimo come vetrina internazionale per la promozione delle peculiarità del territorio.
Festival ecosostenibile e le norme anti-Covid19:
Per fare bene al pianeta, tutti i programmi di sala non saranno distribuiti in versione cartacea nel pieno rispetto della natura. Essendo ormai nell’era del digitale, gli organizzatori e lo staff hanno deciso di pubblicare esclusivamente online il libretto con tutte le info relative ai concerti (curriculum, foto e programmi degli artisti). La brochure potrà essere scaricata anche quest’anno da internet attraverso un QR CODE, che permetterà di sfogliare il programma di sala comodamente dallo smartphone.
Verrà rispettato il distanziamento durante i concerti e si vigilerà scrupolosamente sull’obbligo di indossare la mascherina.

About Elena Marongiu

Diplomata presso l'Istituto Tecnico Commerciale E. Mattei di Decimomannu (SU) con titolo di Ragioniere Perito Commerciale Programmatore il 6 luglio 2015. Laureata in Lingue e Comunicazione il 14 novembre 2018 presso l'Università degli Studi di Cagliari. Appassionata di autobiografie scritte e visive e libri che trattano i temi della società contemporanea e moderna

Controlla anche

4

Intervista a Michela Sale Musio: bilancio Lucido Festival 2021

Dal 18 al 21 novembre si è svolta all’Aeroporto di Cagliari la settima edizione del Lucido …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *