Alexa Unica Radio
IS azguime 4

Cagliari: Questa mattina il festival “LE MERAVIGLIE DEL POSSIBILE”

Kyberteatro: Inizia il mese dedicato a Teatro, Arte e Nuove Tecnologie. Questa mattina a Cagliari, alla MEM, presentata l’VIII edizione del festival “Le meraviglie del possibile” 

Ritorna a Cagliari per l’ottavo anno consecutivo, e questa volta live, Le Meraviglie del Possibile, il Festival Internazionale di Teatro, Arte e Nuove Tecnologie organizzato e curato da Kyberteatro. Lo spin-off con cui L’Aquilone di Viviana svolge le attività teatrali e tecnologiche, con la collaborazione del team creativo composto da Simone Murtas, Simona Loi e Mauro Zedda. 

Il Festival LMDP, nato nel 2014, è il primo esempio a livello nazionale di rassegna tematica dedicata all’interazione fra teatro, arte e nuove tecnologie. La piattaforma creativa digitale in questi anni è cresciuta. “Le Meraviglie del Possibile” ha assunto sempre più una dimensione non solo regionale ma anche nazionale. Ci fu il riconoscimento nel 2021 da parte del FUS (Fondo Unico per lo Spettacolo), nell’ambito dei Festival di Teatro internazionale, grazie alle proficue collaborazioni negli anni scorsi con la rete europea EMAP/Emare, con artisti olandesi, libanesi, spagnoli, inglesi, ospitati nel 2020, anche se in modalità on line, e le esperienze che giungono quest’anno da Portogallo, Francia, Italia Germania.

 

Non è un caso che nel 2019 LMDP abbia ricevuto il riconoscimento EFFE LABEL. Un marchio di qualità che viene attribuito alle rassegne europee che si contraddistinguono per il loro lavoro nel campo delle arti.  

Il programma 


Note di regia

“Se l’ignoranza è beatitudine, è follia essere saggi”, scriveva Thomas Gray, poeta inglese del XVIII secolo. La drammaturgia di “Fiori per” è liberamente ispirata al romanzo fantascientifico “Fiori per Algernon”, l’opera più famosa dello scrittore statunitense Daniel Keyes. 

La storia di “Fiori per”

E’ la storia di Carlo Gordo, un giovane disabile mentale selezionato per un esperimento scientifico che innalzerà notevolmente il suo QI. Il destino di Carlo si intreccia con quello di Algernon, un topolino bianco da laboratorio che ha subito la stessa operazione e che gareggia con lui all’interno di un labirinto. La complessità delle sue vicissitudini, prima e dopo l’operazione, restituisce allo spettatore un’immagine universale. L’essere umano è intrappolato in un labirinto esistenziale nel quale si muove a tentoni come “un nato cieco a cui è stata data la possibilità di vedere la luce”.

A ogni svolta del labirinto corrispondono nuove conoscenze e competenze. Ma nel caso di Carlo, la tanto agognata intelligenza riuscirà a renderlo felice? Il labirinto è il tentativo umano di scoprire e riconoscere le proprie motivazioni, ma né l’intelligenza, né le emozioni sono guide sicure.

Una storia delicata e commovente che mette in luce le contraddizioni tra cura e giustizia, sperimentazione scientifica ed etica, pensiero ed emozione. Un viaggio dentro l’essere umano e il suo intricato percorso esistenziale. Realizzato in scena attraverso l’utilizzo creativo delle nuove tecnologie che restituiscono le diverse prove da superare e la continua ricerca interiore compiuta dal protagonista nel disperato tentativo di divenire persona.

Il Festival “Le Meraviglie del Possibile” è realizzato con il sostegno del MIC/FUS – Ministero della Cultura e Fondo Unico per lo Spettacolo e della Regione Autonoma della Sardegna – Assessorato della Cultura. Inoltre, il festival si svolgerà secondo le norme vigenti anti-Covid e per gli spettacoli è richiesta la prenotazione.    

 

 

About Valentina Matzuzi

Sono una studentessa in Scienze della Comunicazione all'università di Cagliari. Ho 22 anni e vivo a Cagliari.

Controlla anche

Auto elettriche lr

Auto green: Cagliari maglia verde della Sardegna

Cagliari mezzo punto percentuale sopra la media regionale sulle auto ibride ed elettriche Secondo l’analisi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *