Alexa Unica Radio
Francesca Rosellini Techfind San Salvatore

Una Techfind tutto cuore cede solo nel finale


La Techfind getta il cuore oltre l’ostacolo, ma non basta: Vigarano espugna il PalaVienna con il punteggio di 71-60 e condanna le giallonere alla terza battuta d’arresto consecutiva.

Non basta il cuore della Techfind per evitare la sconfitta contro la Vigarano, le ragazze di coach Fioretto inanellano la terza battuta d’arresto consecutiva


In piena emergenza a causa delle pesanti defezioni, il San Salvatore ha combattuto con il coltello tra i denti giocando punto a punto. Si è dovuto arrendere solo nel finale, dove ha peccato di lucidità. E le rivali, trascinate dal duo Coser-Sarni, hanno piazzato l’allungo finale aggiudicandosi il successo.
Coach Fioretto inserisce nello starting five Pinna e Demetrio Blecic al posto di Zitkova ed El Habbab. L’inizio è equilibrato, poi Vigarano fa valere il talento di Sorrentino e piazza un break di 5-0. Al rientro in campo le emiliane alla prima sirena hanno l’inerzia in mano sul 25-16.

Il San Salvatore cerca in tutti i modi di ovviare ai problemi di playmaking, con Mura che si deve spesso reinventare da regista. Vigarano mantiene però saldamente il vantaggio e tocca la doppia cifra di margine con i liberi di Coser (28-18). Rosellini e compagne si schierano a zona e pian piano fanno capolino sul -3 con una fiammata offensiva di capitan Ceccarelli. Le rossonere, dal canto loro, assorbono presto il momento di difficoltà e ricacciano indietro le selargine con Sarni. La principale protagonista, però, è ancora Coser, che spinge le sue fino al 45-35 che manda le squadre alla pausa lunga.

La reazione del San Salvatore


Quello che rientra dagli spogliatoi è tutto un altro San Salvatore. Le selargine aumentano l’aggressività in zona difensiva, impedendo a Vigarano di realizzare per i primi tre minuti del quarto. Il tentativo di rimonta lo inaugura Rosellini con una provvidenziale tripla, poi emerge Mura, a segno con due canestri che valgono il -2. Le emiliane faticano di fronte all’attenzione difensiva della Techfind, che completa il lungo inseguimento impattando a 50 con il libero di Cutrupi. L’ultimo spunto, però, è di Sarni, che sulla sirena del terzo periodo mette l’ennesimo piazzato e rilancia le quotazioni della sua squadra (54-52).


Negli ultimi dieci minuti regna l’equilibrio: Vigarano tenta più volte l’allungo, ma le giallonere ribattono colpo su colpo. A spaccare la partita, allora, è la solita Coser, che a 4 minuti dal termine infila la bomba del +5 ospite (63-58). Una mazzata per la Techfind che, complice la stanchezza, non riesce più a rispondere. Nel finale, allora, il quintetto di Borghi allunga progressivamente fino a cogliere il successo sul 71-60.
Al 40’ è sconfitta, ma per la Techfind ci sono solo applausi: l’impegno è stato massimo fino alla fine.
“Le ragazze hanno dato tutto viste le condizioni odierne – commenta coach Roberto Fioretto – nel finale sono arrivati diversi errori, ma era comprensibile dopo una partita di grande sacrificio, per giunta contro una formazione di vertice. Le ragazze sono state bravissime sotto il profilo dell’intensità e dell’agonismo, specie nel secondo tempo. Ripartiamo da questa reazione per provare a fare meglio a Battipaglia, sperando di riavere il prima possibile le infortunate”.

About Daniele Mereu

Studente magistrale in Relazioni Internazionali (Studi Euro-Mediterranei) presso l'Università di Cagliari. Laureato in Scienze Politiche e diplomato in Relazioni Internazionali per il Marketing.

Controlla anche

Striulli

CUS Cagliari, intervento riuscito per Erika Striulli

Dopo l’operazione al legamento crociato, la capitana del CUS Cagliari ha iniziato la fase di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *