Alexa Unica Radio
5964ce8e 3f38 2043 25bf 3269ebaeb2b2

Mani Tese cerca 200 volontari a Cagliari .


Torna nelle librerie la campagna natalizia “Molto più di un pacchetto regalo”
200 volontari e volontarie a Cagliari e Quartucciu per sostnere le bambine per sostenere le bambine e le donne vittime di violenza e sfruttamanto.
Mani Tese, in collaborazione con laFeltrinelli, è alla ricerca di 200 volontari/e a Cagliari e Quartucciu per impacchettare regali e sostenere così i progetti a favore delle bambine e delle donne in Guinea-Bissau vittime di violenza, sfruttamento e matrimoni forzati.
Torna, dopo un anno di arresto a causa dalla pandemia, la campagna di raccolta fondi natalizia “Molto più di un pacchetto regalo” di Mani Tese in collaborazione con la Feltrinelli.

Quest’anno la campagna sarà a sostegno dei progetti dell’ONG a favore delle bambine e delle donne vittime di violenza e sfruttamento in Guinea-Bissau.

Mani tese

Per realizzare la campagna, Mani Tese cerca 200 volontari e volontarie a Cagliari e Quartucciu che vogliano dedicare qualche ora del proprio tempo per impacchettare regali presso le librerie laFeltrinelli dal 3 al 24 dicembre 2021 e sostenere così i progetti di cooperazione.
Sul sito www.manitese.it, nella pagina dedicata alle città, è possibile visionare la lista delle librerie interessate.
14 anni di solidarietà
“Molto più di un pacchetto regalo” è un’iniziativa di sensibilizzazione e di raccolta fondi natalizia di Mani Tese realizzata in collaborazione con laFeltrinelli che ogni anno raccoglie fondi per realizzare progetti di sviluppo nel Sud del mondo. I volontari e le volontarie che partecipano alla campagna offrono qualche ora del proprio tempo per confezionare libri e oggetti acquistati dai clienti delle librerie laFeltrinelli nel periodo prenatalizio (dal 3 al 24 dicembre).
La campagna, giunta ormai alla sua XIV edizione, quest’anno interesserà 53 città e 70 librerie in tutta Italia e finanzierà i progetti di Mani Tese in Guinea-Bissau.

La condizione femminile in Guinea-Bissau


La Guinea-Bissau è il Paese più povero dell’Africa Occidentale.

Secondo l’Indice di sviluppo umano si colloca al 175° posto su 188 Paesi, e ancora oggi il 67% della popolazione vive sotto la soglia di povertà (UNDP 2020).

In un simile contesto, causato dall’instabilità politica e da una grave carenza di lavoro e di risorse, gli episodi di sfruttamento e di violenza sulle persone più indifese, come le donne, le ragazze e le bambine, sono purtroppo all’ordine del giorno.

Nel 2018 il Paese si è collocato al 178° posto su 186 nel Gender Inequality Index.

Oltre il 52% delle donne è analfabeta, contro un 29% degli uomini.

Molte donne non finiscono la scuola per il matrimonio precoce e la gravidanza: circa il 10% delle ragazze sono costrette a sposarsi prima dei 15 anni, il 29% prima dei 18. Il 29% di ragazze tra gli 0 e i 14 anni e il 44% di donne tra i 15 e i 49 anni, inoltre, ha subito mutilazioni genitali femminili (Unicef, 2020).

L’azione di Mani Tese


Mani Tese è impegnata in Guinea-Bissau da oltre 40 anni con progetti di cooperazione che prevedono in modo trasversale la protezione dei soggetti più vulnerabili, in particolare di bambine e donne vittime di violenza e sfruttamento.

Sono tre gli obiettivi che Mani Tese persegue nella sua attività:
1. Protezione delle vittime Mani Tese sostiene un Centro di Accoglienza per bambine e ragazze vittime

di matrimonio forzato e precoce e

per donne vittime di violenza che garantisce loro protezione e formazione affinché possano sviluppare le proprie attitudini e raggiungere l’indipendenza economica favorendone il reinserimento sociale.
2. Prevenzione della violenza e dello sfruttamento I fenomeni di violenza e sfruttamento avvengono soprattutto in contesti di estrema povertà.

Mani Tese si impegna a migliorare

la situazione socio-economica delle categorie a rischio attraverso

la formazione professionale

e il supporto all’avvio di attività lavorative e imprenditoriali, il sostegno alla filiera orticola, alla filiera produttiva dell’arachide e alla filiera avicola.
3.

Sensibilizzazione, educazione e informazione Creare anche un contesto sfavorevole alla violenza significa informare la popolazione attraverso campagne di sensibilizzazione (tramite corsi, Djumbai ovvero i dibattiti che coinvolgono l’intera comunità, teatro,

interventi nelle scuole secondarie e trasmissioni radiofoniche),

la promozione dei servizi che si occupano di educazione e istruzione e la costituzione,

nei villaggi,

di comitati di persone con il compito di monitorare e denunciare situazioni di rischio o di violenza.
Come partecipare alla campagna
Per partecipare a “Molto più di un pacchetto regalo” è sufficiente avere 16 anni compiuti e almeno 4 ore di tempo da dedicare all’attività di volontariato.

È possibile anche iscriversi direttamente on line alla pagina della campagna dedicata alla città. L’esperienza di volontariato avverrà in sicurezza secondo le norme anti Covid-19.

Mani Tese è un’Organizzazione Non Governativa che da oltre cinquant’anni si batte per la giustizia sociale, economica e ambientale nel mondo.

Opera in Africa, Asia e America Latina con progetti di cooperazione internazionale.

In Italia promuove progetti, campi di volontariato e stili di vita improntati alla solidarietà e alla sostenibilità attraverso migliaia di volontari attivi sul territorio.

Realizza inoltre percorsi e laboratori di Educazione alla Cittadinanza Globale.

Gli incontri informativi

Per tutti i volontari e gli aspiranti volontari ci sarà :

l’occasione per conoscere tutti i dettagli dell’iniziativa, partecipando a uno dei due incontri informativi organizzati per presentare i progetti di sviluppo in Guinea-Bissau e in Benin e per illustrare i compiti dei volontari.

Ci sarà anche l’opportunità di aderire alla proposta di volontariato.

Come aderire?

Per diventare volontari della campagna “Molto più di un pacchetto regalo!” è sufficiente iscriversi attraverso il form nella sezione “Molto più di un pacchetto regalo!” sul sito di Mani Tese dando la disponibilità per la città nella quale si preferisce fare volontariato.

In alternativa è possibile anche contattare direttamente la referente locale ai recapiti 3462324731 e [email protected].

About Andrea Perra

Sono un ragazzo a cui piace molto fare sport divertirmi e socializzare con le persone. Mi piace scrivere, ascoltare musica e gli animali. Mi piace pure fare rime e viaggiare .Sono amante del calcio infatti tifo il Cagliari. Ho studiato nella facoltà di scienze politiche e dopo aver conseguito la laurea ora sto studiando per diventare Consulente del lavoro.

Controlla anche

cavo

Cura del mieloma multiplo, Cavo: “Anticorpo monoclonale rappresenta un bisogno terapeutico”

Il parere dell’esperto Michele Cavo, professore di ematologia a Bologna, sulla nuova cura del mieloma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *