Alexa Unica Radio
pregnant g369dbd282 1920
pregnant g369dbd282 1920

Mamma neonato,il latte funziona da vaccino

Covid mamma

Se la mamma ha il Covid il latte materno agisce come un vaccino per il neonato. Lo ha dimostrato uno studio dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, in collaborazione con il Policlinico capitolino Umberto I, i cui risultati sono pubblicati su ‘Jama Network Open‘.

I ricercatori sono partiti dall’osservazione, che è molto raro il passaggio del virus da una madre positiva al momento del parto al bambino.

E ne hanno scoperto il meccanismo alla base.

Lo studio ha riguardato

28 donne e i loro neonati – che hanno partorito al Policlinico Umberto I nel periodo compreso tra novembre 2020 e maggio 2021.

Tutte le donne

sono risultate positive Sars-Cov-2 al momento del parto attraverso il tampone effettuato per l’ingresso in ospedale, anche se molte di loro erano asintomatiche.

Nessuna delle donne all’epoca era stata vaccinata contro il Covid-19.

In genere la mamma protegge il bambino nei primi giorni e mesi di vita con il trasferimento dei propri anticorpi attraverso la placenta (IgG).

Anticorpi Iga mamma

Se la mamma allatta al seno, inoltre, trasferisce al bambino anche un altro tipo di anticorpi (IgA), detti mucosali, perché prodotti dalle mucose del tratto respiratorio (oltre che dell’intestino) della mamma e perché aiutano il neonato proprio contro le infezioni mucosali, come il raffreddore o l’influenza.

I ricercatori hanno studiato il funzionamento di questo meccanismo di protezione nel caso delle mamme positive al coronavirus.

Hanno cercato e misurato, quindi, la presenza di immunoglobuline specifiche contro il Sars-CoV-2 sia nel sangue e nel latte delle mamme, sia nel sangue e nella saliva nei neonati.

È la saliva infatti che contiene gli anticorpi di tipo IgA che proteggono le mucose e che l’esperienza della pandemia ha dimostrato essere generalmente molto efficaci contro l’infezione da Sars-CoV-2. Le analisi sono state fatte a 48 ore dal parto e ripetute poi dopo due mesi.

Anticorpi mucosali

A distanza di 48 ore i bambini allattati al seno presentavano nella saliva anticorpi mucosali specifici contro il Covid-19 che gli altri neonati non presentavano.

A distanza di due mesi, questi anticorpi continuavano ad essere presenti anche se le mamme avevano smesso di produrli.

Per i ricercatori è la prova che il latte materno gioca un ruolo fondamentale non solo offrendo protezione passiva, cioè trasferendo al bambino gli anticorpi prodotti dalla madre, ma anche aiutandolo a produrre autonomamente le sue difese immunitarie.

Il meccanismo sembra essere simile a quello di un vaccino.

Le IgA prodotte dalle madri contagiate si legano alla proteina Spike espressa sulla superficie del virus formando una molecola, chiamata immuno-complesso, che si trasferirà dalla mamma al neonato tramite l’allattamento.

About Andrea Perra

Sono un ragazzo a cui piace molto fare sport divertirmi e socializzare con le persone. Mi piace scrivere, ascoltare musica e gli animali. Mi piace pure fare rime e viaggiare .Sono amante del calcio infatti tifo il Cagliari. Ho studiato nella facoltà di scienze politiche e dopo aver conseguito la laurea ora sto studiando per diventare Consulente del lavoro.

Controlla anche

Il Capodanno al tempo del Covid

La fine dell’anno si sta avvicinando e ovviamente si stanno già facendo da tempo progetti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *