Alexa Unica Radio

“Asma in gravidanza gestibile grazie a terapie biologiche”

L’asma è una patologia respiratoria cronica molto diffusa che può avere effetti negativi sulla gravidanza.

Fortunatamente “ad oggi sappiamo che molte delle terapie che abbiamo a disposizione per curare l’asma possono essere usate durante la gravidanza. Hanno dimostrato di avere un buon profilo di sicurezza nel trattamento della paziente senza comportare complicanze rilevanti. Dati sempre più robusti supportano l’uso di alcune delle nuove terapie biologiche come opzione efficace, sicura e mirata contro i processi infiammatori alla base dell’asma.”. Così Manuela Latorre, Dirigente medico Uo Pneumologia presso Nuovo ospedale Apuane di Massa, in un’intervista pubblicata sul sito di ‘Alleati per la Salute’ (www.alleatiperlasalute.it ) il portale dedicato all’informazione medico-scientifica realizzato da Novartis, sottolinea l’importanza di proseguire le cure, valutando accuratamente quali siano quelle più adeguate ad ogni specifica situazione.

 

In Europa l’asma colpisce dal 4 all’8 % delle donne durante la gestazione, comportando rischi anche molto gravi come preeclampsia e parto pretermine. “Lo stato di gravidanza – afferma Latorre – è proprio una di quelle condizioni che maggiormente può causare dei cambiamenti nell’andamento del controllo della malattia. Questo fenomeno si spiega sia con cause prettamente fisiche che con fattori psicologici, determinati dal particolare momento che la donna vive”.

Il 20% circa delle donne riferiscono – secondo un’indagine condotta attraverso il network ‘Sani’ – timori relativi a possibili danni al feto e a un peggioramento dei sintomi dell’asma durante la gravidanza.

 

C’è sicuramente una paura forte che è quella di poter nuocere al bimbo – conferma la pneumologa -. Per questo motivo le pazienti arrivano in molti casi ad abbandonare le cure senza consultarsi con il medico. È ben noto ormai come un trattamento inadeguato dell’asma possa portare a riacutizzazioni della malattia con episodi di crisi respiratoria. Al contrario, come definito dalle linee guida e raccomandazioni internazionali riguardo ad una gestione ottimale dell’asma in gravidanza, le terapie vanno assolutamente proseguite”.

La paziente non deve sentirsi sola nel pianificare e nel gestire una gravidanza, anche a livello informativo. Dall’indagine emerge, infatti, la necessità che le nozioni arrivino da un medico con ruolo chiave riconosciuto ad uno specialista dell’asma per il 90% delle intervistate. “Seguire in maniera efficace la paziente vuol dire coinvolgerla nelle scelte terapeutiche, risolvendo i dubbi. E’ fondamentale che il medico sia in grado di instaurare con la paziente un adeguato rapporto di fiducia anche con il ginecologo e l’ostetrico. Obiettivo: mantenere sotto controllo i sintomi dell’asma e, nello stesso tempo, a facilitare una gravidanza il più possibile sicura e serena.

About Elena Marongiu

Diplomata presso l'Istituto Tecnico Commerciale E. Mattei di Decimomannu (SU) con titolo di Ragioniere Perito Commerciale Programmatore il 6 luglio 2015. Laureata in Lingue e Comunicazione il 14 novembre 2018 presso l'Università degli Studi di Cagliari. Appassionata di autobiografie scritte e visive e libri che trattano i temi della società contemporanea e moderna

Controlla anche

epilessia

Epilessia, “Patologia gestibile ma vista e trattata con pregiudizi”

Questo l’argomento discusso durante il Tavolo di lavoro ‘Epilessia: problema medico e sociale’, organizzato da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *