Alexa Unica Radio
Bonus terme

Bonus terme, si parte con il click day per gli enti termali

Partito il click day per il Bonus terme 2021. Ed è subito polemica. Dalle ore 12 di oggi i cittadini si sono prenotati direttamente presso le strutture accreditate che sarà aggiornata continuamente da Invitalia. Non ci sono limiti temporali ma attenzione, perché il ‘tesoretto’ di 53 milioni di euro si esaurirà.

Bisogna dunque affrettarsi. Succede però che, intorno alle 16 di oggi, la piattaforma dedicata alla prenotazione padigitale.invitalia.it viene sospesa per motivi tecnici. La causa è dovuta all’alto numero di accessi registrati.  Invitalia si scusa con i cittadini e con gli enti termali per i disagi: il portale sarà di nuovo disponibile da domani, martedì 9 novembre, dalle ore 12. L’agenzia invita a non tentare l’accesso al sito che resta riservato ai soli enti termali accreditati.

Gli inconvenienti tecnici fanno infuriare le associazioni dei consumatori, con il Codacons che attacca: “Problemi nella migliore tradizione italiana dei ‘bonus’. Molte strutture in over-booking, prenotazioni chiuse prima della partenza ufficiale di oggi”.  Cna Turismo e Commercio stima un giro d’affari superiore ai 200 milioni di euro con 260mila turisti per un totale di 500mila pernottamenti.

Il Bonus

L‘incentivo copre fino al 100% del servizio acquistato fino a un massimo di 200 euro. L’eventuale restante importo sarà a carico dell’utente. 

E’ rivolto a tutti i maggiorenni residenti in Italia, non ci sono limiti di reddito. Non può essere concesso per i servizi già a carico del Sistema Sanitario Nazionale, non è cedibile e non vale per i servizi di ristorazione forniti dall’ente termale.  Ciascun cittadino può usufruire di un solo bonus. 

Bisogna prenotarsi direttamente presso la struttura che rilascerà un attestato e richiedere a Invitalia, mediante apposita piattaforma informatica, il rimborso del valore del buono utilizzato dal cittadino. La prenotazione è valida per 60 giorni: dopodiché il servizio non potrà più essere usato. 

Il Codacons

Non tarda ad arrivare una dura dichiarazione del Codacons sul Bonus Terme e sui problemi riscontrati oggi. “Non solo è stato concepito male – affermano i Consumatori -, ma è partito col piede sbagliato, portando oggi Invitalia a sospendere le prenotazioni”. Il presidente Carlo Rienzi aggiunge con amara ironia: “Il giorno tanto atteso per le prenotazioni da parte dei cittadini registra problemi tecnici nella migliore tradizione italiana dei ‘bonus’.

Un incentivo quello legato alle terme errato già nella fase di concepimento perché non prevede limiti legati all’Isee, e proseguito ancora peggio dal momento che molte strutture sarebbero già in overbooking e non raccoglierebbero più prenotazioni“. Questo perché, afferma Rienzi, i centri termali, subito dopo l’accreditamento sulla piattaforma di Invitalia, “hanno iniziato a raccogliere le richieste di incentivo da parte dei cittadini, e hanno chiuso le pre-prenotazioni ancora prima della partenza ufficiale di oggi, avendo ricevuto un elevato numero di adesioni”.

About Alessio Zanata

Leggo libri. Ascolto la radio.

Controlla anche

corte conti targhe

Tirocini alla Corte dei Conti per gli studenti

Firmata la convenzione per l’avvio di percorsi formativi per studenti Gli studenti potranno svolgere tirocini …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *