Alexa Unica Radio
Identitas
identitas

Laboratorio “IDENTITAS / diverso o uguale a?”

“Identitas / diverso o uguale a?” il laboratorio a cura della compagnia Focus_2 in collaborazione con Ferai Teatro, in programma da martedì 26 fino a sabato 28 ottobre alla Silvery Fox Factory


Il Signore delle Mosche parlava con la voce d’un maestro di scuola. “Ti metto in guardia. Sto per perdere la pazienza. Non vedi? Non c’è posto, per te. Capito? Su quest’isola ci divertiremo. Capito? Su quest’isola ci divertiremo. Dunque non provarci nemmeno, mio povero ragazzo traviato, altrimenti…”

S’intitola “Identitas / diverso o uguale a?” il laboratorio a cura della compagnia Focus_2 in collaborazione con Ferai Teatro. Sarà in programma da martedì 26 fino a sabato 28 ottobre alla Silvery Fox Factory in via Giulio Dolcetta n. 12 a Cagliari.

Un percorso fondato sul duplice significato di “identità” come “perfetta somiglianza” ovvero “coscienza di sé, quale entità separata e distinta”; pensato per attori e attrici, performers, danzatori e danzatrici (professionisti e non) ma aperto anche a persone curiose e desiderose di mettersi in gioco (purché realmente interessate).

Tre intense giornate: martedì 26 e mercoledì 27 ottobre dalle 10 alle 15 e giovedì 28 ottobre dalle 14 alle 19. Tutte incentrate sul senso di appartenenza a una comunità e sul rapporto tra i singoli individui e il gruppo, che rappresentano anche un momento propedeutico per la partecipazione allo spettacolo “Apparatus Matri” in cartellone il 30 e 31 ottobre alle 18 e alle 20 alla Silvery Fox Factory.

Un progetto laboratoriale che parte dalla costruzione di una comunità

“Identitas / diverso o uguale a?” è un progetto laboratoriale che parte dalla costruzione di una “comunità” – un gruppo di persone legate a una stessa visione del mondo, con propri ideali e aspettative, un’organizzazione interna con un vero e proprio sistema gerarchico e una divisione dei compiti e dei ruoli – per poi approdare allo studio e al lavoro individuale sul personaggio, per definirne l’identità, la posizione all’interno della comunità, oltre alle aspirazioni e ai desideri, e approfondire sempre più nel dettaglio il suo codice morale, il suo carattere, le sue origini, la sua cultura e il modo di rapportarsi agli altri.

Quasi un gioco di ruolo. I singoli partecipanti, prendendo spunto dal proprio vissuto e dalla propria storia artistica e professionale, attingendo a materiali letterari, cinematografici, musicali oltre a molteplici suggestioni e suggerimenti “mirati” proveranno a immaginare un loro alter ego da mettere in scena; e dall’interazione tra queste figure in bilico tra fantasia e realtà prenderà forma la “comunità”. Comunità come entità collettiva, al cui interno ciascuno conserverà le proprie peculiarità, pur condividendo codici comportamentali, segni e simboli, obiettivi e fini.

«“Identitas” propone una riflessione sul tema della comunità e del singolo al suo interno – spiegano Eleonora Gusmano e Ania Rizzi Bogdan della compagnia romana Focus_2 -. «Il conflitto semantico tra “identità” come “l’insieme degli specifici elementi di differenziazione che determinano un’unicità e “identitas” che nell’etimologia latina ha a che fare invece con “ciò che rende identico/medesimo”, e mette invece in risalto ciò che unisce e accomuna, ci è parso nodale per la natura ambivalente del singolo all’interno di una comunità.

Le fasi dell’indagine

L’indagine sarà articolata in due fasi: da una parte proporremo ai partecipanti un’esperienza immersiva al fine di creare una comunità autoriferita, gerarchica, con i propri ideali e fini da perseguire, le cui specificità (per esempio i gesti rituali), vengano individuate insieme, attraverso l’elaborazione di suggestioni e improvvisazioni di gruppo, e derivino quindi dalle caratteristiche e interessi degli stessi partecipanti al laboratorio.

In secondo luogo uno specifico lavoro individuale sulla ricerca della propria identità personale all’interno di un gruppo. Che ruolo ricopriamo? Chi vorremmo essere? Chi siamo invece? Cosa sacrifichiamo di noi per essere accettati? In quale misura siamo protetti e in quale misura perdiamo la nostra libertà?».

“Identitas” rappresenta uno spazio di sperimentazione e di formazione; uno stage “immersivo” in cui attori e attrici, danzatori e danzatrici, performers (e aspiranti tali) lavoreranno insieme e individualmente alla creazione di una “comunità” e alla definizione dell’“identità” del proprio personaggio.

Un’indagine sui valori e gli elementi fondanti della società, oltre la famiglia, sulla necessità di ritrovarsi e riconoscersi all’interno del gruppo dei pari, costituito spesso sul modello di una tribù, con una gerarchia dettata dal carisma e dall’autorità, dalla conoscenza o dalla forza, secondo i casi e un sistema di relazioni interne e con l’esterno.

I partecipanti al laboratorio (max 15 persone) potranno scegliere se essere inseriti come performers in alcuni momenti dello spettacolo “Apparatus Matri” (in programma sabato 30 e domenica 31 ottobre alla Silvery Fox Factory).

About Nicola Palmas

Imprenditore digitale e manager culturale. Founder & CEO della startup Billalo, direttore artistico di Sardegna Concerti. Appassionato di musica, innovazione e marketing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *