Alexa Unica Radio

Poco dal dentista causa Covid, prevenzione dentale

Indagine mostra un peggioramento della salute del cavo orale e delle abitudini di prevenzione

Gli oltre 18 mesi di pandemia hanno avuto un forte impatto negativo sulle abitudini degli italiani in termini di prevenzione e cure. Anche per quanto riguarda la salute orale.
Circa un terzo degli italiani si è rivolto al proprio dentista solo per ‘urgenze’ contro solo poco più di un quarto degli accessi per controlli di routine.
Una percentuale che nel Sud supera il 40% dimostrando come l’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19 abbia penalizzato in modo consistente l’accesso alla prevenzione e alle cure odontoiatriche. Anche a causa della crisi economica.

È quanto emerge da un’ampia ricerca epidemiologica realizzata in Italia dalle Università di Milano e Berna

In collaborazione con l’Associazione nazionale dentisti italiani (Andi) e il supporto di Mentadent. Presentata nel corso dell’inaugurazione del 41esimo ‘Mese della prevenzione dentale’, previsto per tutto ottobre.

Il ‘Mese della prevenzione dentale’ nel corso della sua storia, si è sviluppato ed è cresciuto esponenzialmente

Con oltre 1 milione di visite e migliaia di consulenze, garantite dai medici odontoiatri volontari Andi, ha concretizzato il concetto di prevenzione, portandolo sul territorio. Ha offerto contemporaneamente un aiuto tangibile. Un’attenzione particolare è stata riservata alle persone appartenenti alle categorie più fragili, gli anziani e le persone con disabilità in primis, ma anche a tutti coloro che per difficoltà economiche o mancanza di informazioni non riescono ad accedere alle cure.

Il supporto del ‘Mese della prevenzione dentale’ è ancora più significativo nel contesto post Covid-19

Come dimostrano i risultati della ricerca, la pandemia ha avuto forti ripercussioni sulla prevenzione a 360°, accentuando le forti disparità sociali.

“I dati di questa ricerca epidemiologica, la più grande mai realizzata in Italia, con il reclutamento di 30mila persone, sono ancora parziali – spiega Guglielmo Campus, Università di Berna – eppure sono in grado di descrivere e sottolineare quanto i problemi dentali e parodontali siano ampiamente diffusi nella popolazione italiana, quanto siano significativi gli squilibri all’interno della popolazione e tra Nord e Sud e quanto ancora oggi la prevenzione delle patologie del cavo orale in Italia sia un capitolo aperto”.

 

About Aurora Catalano

Studentessa universitaria appassionata di musica.

Controlla anche

Gesico, sagra lumaca

Gesico, XXIX sagra della lumaca

Da venerdì 15 a lunedì 18 ottobre il paese in festa per i 400 anni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *