Alexa Unica Radio

Cambiamento climatico: il rapporto sull’impatto nelle città italiane

Il cambiamento climatico in 6 città italiane: il rapporto del Centro Euro-Mediterraneo sui cambiamenti climatici.

Cambiamento climatico: ondate di calore e alluvioni, e la situazione sembra destinata a peggiorare. Saranno forti le conseguenze sulla salute delle persone, sulla mortalità e sugli episodi di dissesto idrogeologico. Di fronte a questa realtà come si stanno preparando sei tra le più grandi città italiane? La risposta arriva dal rapporto ‘Analisi del Rischio.

I cambiamenti climatici in sei città italiane‘; realizzato dalla Fondazione Cmcc, Centro Euro-Mediterraneo sui cambiamenti climatici; che rappresenta la prima analisi integrata del rischio climatico in Italia. Un documento che, per la prima volta, mette a frutto i risultati di dati ad altissima risoluzione per proporre una rassegna del clima, degli impatti, dei rischi e degli strumenti di cui si stanno dotando Bologna, Milano, Napoli, Roma, Torino e Venezia.

Realtà molto diverse ma accomunate da tre aspetti: le temperature sono aumentate negli ultimi trent’anni e continuano a farlo in tutte le città; tutti gli scenari evidenziano rischi crescenti per ondate di calore e alluvioni urbane; pur nella loro diversità, gli scenari di tutte le città mostrano che le strategie di adattamento riducono la portata degli impatti negativi, soprattutto per la mortalità legata a ondate di calore.

“Questo lavoro è una assoluta innovazione nell’ambito dell’analisi e della gestione del rischio da cambiamenti climatici su scala urbana,” ha spiegato Donatella Spano (Cmcc e Università di Sassari) che ha curato il rapporto con Valentina Mereu (Cmcc).

About Emanuele Loddo

Nato a Carbonia, proveniente da Portoscuso (Sud Sardegna), studente di Beni Culturali e Spettacolo all'Università di Cagliari.

Controlla anche

gran sasso 2739465 960 720

Codice rosso per i ghiacciai italiani: potrebbero sparire presto

Sotto ai 3.500 metri i nostri ghiacciai spariranno entro il 2050 Entro la fine del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.