Alexa Unica Radio
lower back 6391104 1920
lower back 6391104 1920

Dolore cronico: benefici della neurostimolazione midollare

Un italiano su 4 soffre di dolore cronico benigno (prevalenza 26%)

e il mal di schiena rappresenta oltre il 50% delle forme di dolore cronico (negli ultimi 40 anni la sua prevalenza è raddoppiata).

Molti di questi pazienti con dolore cronico hanno anche alle spalle una lunga storia di sofferenza

  • disturbi del sonno
  • problemi fisici secondari
  • disturbi emotivi/affettivi/cognitivi
  • aumento di stress
  • ridotta attività con disabilità
  • consulti con vari medici e figure professionali
  • con grave perdita di fiducia e con notevoli costi sociali ed economici.

La gestione del dolore cronico è una grande sfida del futuro e con Enrico Polati, Direttore Dipartimento Anestesia e Rianimazione e Terapia del Dolore Ospedale Borgo Roma di Verona, che è intervenuto nella sessione “La neuro-modulazione nel dolore cronico” alla SUMMER SCHOOL 2021 di Motore Sanità, si è parlato della neurostimolazione midollare (SCS o Spinal Cord Stimulation)”.

Gestione del dolore cronico

“La gestione del dolore cronico è complessa e richiede essenzialmente un approccio graduale.

Sono disponibili diverse opzioni di trattamento che dovrebbero essere valutate secondo un approccio multidisciplinare ed in funzione della causa patologica del dolore” ha spiegato il Professor Polati.

“Tra le diverse cause di cronico ci sono l le sindromi dolorose complesse regionali ,

  • il dolore vascolare ischemico,
  • la polineuropatia diabetica
  • ed altre condizioni di dolore neuropatico che, tra le varie opzioni di trattamento potrebbero beneficiare della neurostimolazione midollare

Cosa è la SCS ?

“La SCS consiste nel posizionare mediante un’operazione chirurgica semplice e minimamente invasiva un elettrodo a livello dello spazio peridurale

che trasmette leggeri segnali elettrici al midollo spinale che sono in grado d’innescare un meccanismo che porta a ridurre la sensazione dolorosa – ha proseguito Polati -.

E’ stato detto anche che “la salute del cittadino non ha prezzo, ma ha anche dei costi” .

La SCS, essendo una tecnica di trattamento relativamente costosa rispetto alla terapia farmacologica convenzionale, richiede una attenta valutazione economica.

Se parliamo di costi dobbiamo anche parlare di analisi costo/utilità,

che prenda in considerazione non solo

  • i classici outcome clinici di costo/benefici o costo/efficacia
  • ma anche la qualità di vita dei pazienti

L’analisi costo/utilità

L’analisi costo/utilità della SCS nel trattamento della FBSS evidenzia anche una superiorità della stessa sia nei confronti della terapia medica convenzionale che del re-intervento chirurgico.

“Tuttavia, per rendere sostenibile economicamente la neuromodulazione, è importante

  • una corretta selezione dei pazienti,
  • l’ottimizzazione dei percorsi assistenziali che prevedano l’utilizzo di terapie di comprovata efficacia clinica
  • e che presentino dei vantaggi in termini di costo/utilità.

Motore Sanità

si propone

  • di contribuire al progresso della ricerca scientifica
  • e delle conoscenze scientifiche sia in Italia che all’estero per ridurre il dolore

nel campo sanitario e sociale attraverso:

  • 1. informazione, formazione e sensibilizzazione
  • 2. organizzazione di convegni, congressi, workshop e seminari
  • 3. attività di aggiornamento, educazione e pubblicazioni

About Andrea Perra

Sono un ragazzo a cui piace molto fare sport divertirmi e socializzare con le persone. Mi piace scrivere, ascoltare musica e gli animali. Mi piace pure fare rime e viaggiare .Sono amante del calcio infatti tifo il Cagliari. Ho studiato nella facoltà di scienze politiche e dopo aver conseguito la laurea ora sto studiando per diventare Consulente del lavoro.

Controlla anche

Adiconsum: NO a caricare in bolletta costi non attinenti ai consumi

Get Widget Carlo De Masi, Presidente di Adiconsum nazionale mette in luce le difficoltà che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.