Alexa Unica Radio

Obbligo vaccinale, Speranza: “E’ una possibilità”

Obbligo vaccinale e Green Pass, il ministro della Salute: “Valutiamo l’estensione anche ad altri ambiti”

L’obbligo vaccinale in Italia è una possibilità. Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza. “Due giorni fa abbiamo superato il 70% di persone vaccinabili che hanno superato il loro ciclo, ma noi vogliamo insistere; vogliamo che questo numero cresca sempre di più” spiega, durante la conferenza, seguita alla firma di un memorandum sulla ricerca, le scienze mediche e le politiche dell’assistenza, con il Segretario alla Salute degli Stati Uniti, Xavier Becerra. “Per questo valutiamo, sin dai prossimi giorni, decisioni che possano portarci all’estensione dell’utilizzo del Green pass ad altri ambiti della vita delle persone. E per questo motivo non ci precludiamo anche la possibilità, resta una possibilità in questo momento, qualora ce ne fosse bisogno, di poter utilizzare anche l’obbligo di vaccinazione“.

Le parole del ministro

“Abbiamo dato un messaggio molto netto e rigoroso. Io condivido, parola per parola, le parole del premier Draghi pronunciate ieri” sull’obbligo vaccinale “noi vogliamo far salire questa percentuale, questo significa che lavoreremo a estendere il Green Pass a nuovi ambiti e questo significa che valuteremo anche l’ipotesi dell’obbligo vaccinale. Quest’ultima l’abbiamo già resa esecutiva per un ambito della nostra società gli operatori sanitari. Dobbiamo valutare sulla base dei numeri se potrà servire estendere questo obbligo. È una possibilità che il Governo e il Parlamento hanno e che noi valuteremo con la massima attenzione. Ma il Governo manda un messaggio di grande forza e determinazione: non ci accontentiamo delle nostre percentuali e lavoreremo in tutti i modi possibili per alzarle ancora”.
“Ogni persona non vaccinata rappresenta un rischio in più” ha detto il ministro Speranza, rispondendo alla domanda dei giornalisti se i 3,5 milioni di over 50 non vaccinati siano una ‘bomba’ epidemiologica. “Tutte le statistiche che arrivano da tutte le parti del mondo ci segnalano che le ospedalizzazioni riguardano prevalentemente le persone non vaccinate e quando si ha anche un rischio legato alla fragilità, ad un dato anagrafico significativo il rischio sale ancora di più. Il mio appello è di continuare con insistenza con la campagna vaccinale“. “I dati italiani sono incoraggianti se paragonati ad altri Paesi del mondo – ha detto Speranza, parlando delle vaccinazioni – sono molto positivi. Ma dobbiamo insistere. Dove siamo arrivati non è sufficiente, dobbiamo lavorare perché il più alto numero di persone possa essere vaccinato”.

About Emanuele Loddo

Nato a Carbonia, proveniente da Portoscuso (Sud Sardegna), studente di Beni Culturali e Spettacolo all'Università di Cagliari.

Controlla anche

terapia intensiva

Covid, anestesisti: “Oltre 90% pazienti in terapia intensiva non vaccinato”

“Maggior parte di età medio-alta ma anche qualche giovane, entrare in terapia intensiva significa avere …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *