Alexa Unica Radio
controller 1784573 1280
controller 1784573 1280

La Cina contro la dipendenza da videogames:

La Cina non smette mai di stupire

La Cina non smette mai di stupire e non esita ad usare le maniere forti anche per risolvere la dipendenza da videogiochi dei suoi giovani. 

Il governo di capitale della Cina , orami famoso per le sue iniziative autoritarie, ha deciso di imporre un limite di ore in cui i minori potranno dedicarsi al gioco: ovvero solo 60 minuti al giorno, dalle 20 alle 21 dal venerdì alla domenica, per un totale massimo di 3 ore settimanali.

In questo modo, secondo la National Press and Publication Administration che ha diffuso l’ordinanza, “sarà protetta la salute fisica e mentale dei più piccoli”.

: i fornitori di giochi online sono stati ‘sollecitati’ a non fornire alcuna forma di servizio, a meno che l’utente non si sia registrato con dati reali e riconoscimento facciale.

Chiesta la collaborazione delle amministrazioni della stampa e dell’editoria . 

Rafforzata “la supervisione e l’ispezione dell’attuazione delle misure pertinenti per impedire ai minori

  • di dedicarsi ai giochi online
  • e di trattare con le società di videogame che non le hanno attuate rigorosamente in conformità con le leggi e i regolamenti”.

Una misura che ha voluto ribadire:

  • la necessità di “guidare attivamente le famiglie,
  • le scuole
  • e gli altri settori sociali per tutelare i minori e creare per loro un buon ambiente per una crescita sana”.

Sul fronte dei diritti umani nel mirino la comunità Lgbt. Secondo gli studenti l’Università di Shangai, starebbe stilando una lista di tutti gli “studenti appartenenti alla comunità Lgbt”.

Sotto le spoglie di un sondaggio, l’istituzione ha infatti chiesto ai suoi studenti, di indicare “posizioni ideologiche”, contatti sociali, “condizioni psicologiche” ed eventuali “disturbi mentali”. La denuncia diffusa con un post su Weibo, il principale social network cinese, dove però dopo poco, è stato eliminato. Tuttavia a riprendere e diffondere la denuncia via Twitter è stato il britannico Guardian.

La paura che si stia andando verso una stretta dei diritti Lgbt, è legata anche alla recente decisione del social network WeChat di cancellare decine di account legati a temi come la lotta all’ omofobia. Dal 2020 chiuso anche lo Shanghai Pride, unica manifestazione dell’orgoglio gay di rilievo nel Paese.

Dunque continua a crescere il “soft power persuasivo” della propaganda cinese, finalizzata anche a controbattere le accuse per crimini contro l’umanità ed in particolare contro le minoranze etniche, provenienti da una parte della comunità internazionale.

Una recente inchiesta giornalistica del New York Times e Pro Publica, ha messo in luce le strategie relative alla campagna di disinformazione del regime cinese. 

Sul web ’oltre 3000 videoclip, diffusi su YouTube e Twitter, che riprendono membri di minoranze etniche come gli – Uiguri, che negano la veridicità delle notizie sulle politiche repressive attuate dal governo contro le loro comunità nello Xinjiang.

About Andrea Perra

Sono un ragazzo a cui piace molto fare sport divertirmi e socializzare con le persone. Mi piace scrivere, ascoltare musica e gli animali. Mi piace pure fare rime e viaggiare .Sono amante del calcio infatti tifo il Cagliari. Ho studiato nella facoltà di scienze politiche e dopo aver conseguito la laurea ora sto studiando per diventare Consulente del lavoro.

Controlla anche

meteo

Meteo, sole e Anticiclone delle Azzorre

Meteo: protagonista sempre l’alta pressione, dapprima quella dell’Anticiclone delle Azzorre. E’ prevista un’intensificazione del caldo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *