Alexa Unica Radio
Sorradile necropoli di prunittu

Janas Festival 2021: “Pindulas” il 19 agosto a Masainas

Viaggio nel regno della natura con “Pindulas” il nuovo spettacolo de Le Voci di Astarte con ideazione e regia di Sabrina Barlini, in cartellone giovedì 19 agosto alle 21.30 nel Parco di via Roma a Masainas, sotto le insegne dello Janas Festival 2021.

“Pindulas”, un viaggio tra archeologia e natura, borghi, parchi e paesaggi incantati. Sono «pillole di teatro in lingua sarda» quelle che Gloria Uccheddu e Guido Cadoni, nei panni rispettivamente di una giovane allieva e de Su Maistu de Sardu, regalano al pubblico tra divagazioni fantastiche e buffe gags per il divertimento di grandi e piccini.

Una pièce costruita come una “lezione” interessante e coinvolgente. Si impara, in forma di gioco il significato delle parole. Non è un caso che negli antichi miti “dare un nome alle cose” significhi farle esistere, definirle e renderle note e riconoscibili, che si tratti di flora o fauna, esseri viventi o metalli o rocce.

Nella cornice di un bosco, come di un parco o di un giardino, Su Maistu de Sardu accompagna la giovane e curiosa alunna nell’esplorazione del paesaggio. Questo si rivela sotto i suoi occhi ricco di dettagli preziosi, di piante e animali dai nomi antichi, spesso ma non sempre legati all’aspetto o alle particolari proprietà.

Fuori dall’aula, immersi nella natura, artisti e spettatori sperimentano una diversa forma di apprendimento. Senza bisogno di banchi e di lavagne. «Imparare in natura “fa bene” – sottolineano i due artisti – e da vicino possiamo osservare tante “cose” che ci sfuggono in città, e comprendere quanto il tempo sia qualcosa di veramente relativo».
Come sostiene Su Maistu «c’è sempre tempo per imparare. A ognuno il suo tempo».

Idea pedagogica

Un’idea pedagogica molto moderna ed efficace perché nessuno è uguale a un altro. Ogni bambina o bambino ha capacità e talenti particolari. Lo studio non può essere un atto meccanico o una pura funzione mnemonica. La didattica deve per quanto possibile; come sanno bene gli insegnanti, adattarsi agli allievi e non il contrario. Lo scopo è ottenere il miglior risultato possibile e fare della scuola di ogni ordine e grado una esperienza formativa a tutti i livelli. E pure nella vita, non si finisce mai di imparare.

“Pindulas” è un racconto per quadri, rimodulato di volta in volta sull’ambiente che lo ospita, tra dialoghi e azioni, comiche trovate e battute ironiche. Il tutto per avvicinare i giovanissimi alla conoscenza de sa limba e allo studio della natura. Sulle note della colonna sonora curata ed eseguita dal vivo da Rafaella Bandiera – Sa Maista de Musica – l’insegnante e l’allieva svolgeranno la loro lezione con la partecipazione del pubblico.

Come comparsi dal nulla, questi due esseri stravaganti e forse un po’ “magici”, ci apriranno lo scrigno del sardo. Con le sue varianti, i suoi ritmi e i suoi accenti. Questo per condividere il patrimonio delle conoscenze e degli antichi saperi, che rimandano idealmente alle Janas. Queste ultime sono le misteriose “fatine” abitanti nelle cavità delle rocce, tessitrici di splendidi arazzi e creatrici di raffinati ricami, elargitrici di doni preziosi e custodi di immensi tesori.

Il progetto

“Pindulas” nasce in seno al Janas-Lab – progetto finanziato dal Bando Culture–Lab 2018 indetto dalla Regione Autonoma della Sardegna. Ispirato ai miti e alle leggende dell’Isola, pensato per valorizzare il patrimonio archeologico delle Domus de Janas.

Il “viaggio tra archeologia e natura” dello Janas Festival 2021 prosegue fino al 30 agosto. Nell’Isola tra favole e “lezioni” di sardo: “Pindulas” approda a Santadi sabato 21 agosto alle 19 nel Museo Etnografico “Sa Domu Antiga”. Poi un duplice appuntamento con le “Cantastorie”: Sabrina Barlini e Gloria Uccheddu.

Martedì 24 agosto alle 19 nella piazza della chiesa di San Sebastiano a Sorradile e venerdì 27 agosto alle 19 nel Parco Scarsella a Domusnovas e infine lunedì 30 agosto alle 22 al Novenario di Santa Maria a Sorradile un poetico ritratto d’artista con “La capretta di Maria” de Il Crogiuolo, nel segno di Maria Lai.

About Alessio Zanata

Leggo libri. Ascolto la radio.

Controlla anche

Valak

Abbabula 2022: ad Alghero Psicologi, Bandito e Valak

Get Widget La 24^ edizione del festival Abbabula 2022 è sbarcata ad Alghero con 5 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.