Alexa Unica Radio
money 2696219 1920
money 2696219 1920

Innovazione, microincentivi per 6 imprese sarde

Sei imprese artigiane sarde si aggiudicano i microincentivi regionali per l’innovazione. Lavoreranno con l’Università, Confartigianato Sud Sardegna e gli Istituti Tecnici per sviluppare prototipi innovativi. 

Sei imprese artigiane sarde si sono aggiudicate altrettanti microincentivi per l’innovazione, si dice soddisfatta Maria Amelia Lai (Presidente Confartigianato Sardegna)


Cosa hanno in comune una scuola per l’infanzia, una designer di accessori moda, una gelateria, un impiantista, un barbiere e un imprenditore del trasporto persone? La convinzione che il saper fare artigiano possa fondersi con il conoscere digitale.


Ed è con questa idea che queste 6 imprese artigiane si sono aggiudicate l’incentivo previsto dal bando della Regione Sardegna. Accompagnate da Confartigianato Imprese Sud Sardegna e sviluppati insieme a studenti degli Istituti Tecnici Superiori (ITS) di tutta Italia. I progetti di Innovazione 4.0 coinvolgono piccole imprese artigiane del sud Sardegna che, sono animate dalla comune volontà di utilizzare le tecnologie digitali per accrescere la propria competitività.

“Questi progetti altamente innovativi”


Questi progetti altamente innovativi – commenta Maria Amelia Lai, Presidente di Confartigianato Imprese Sardegna – nascono dalla collaborazione tra Confartigianato Imprese Sud Sardegna e l’Università Ca’ Foscari di Venezia, attraverso la piattaforma “Upskill 4.0”, spinoff che ha affiancato nell’assistenza le imprese artigiane, con l’obiettivo di aiutarle concretamente a trasformare dei sogni nel cassetto in progetti concreti”. Inoltre, queste idee sperimentali, vedranno le realtà artigiane collaborare con i ragazzi degli ITS per la definizione di alcuni prototipi”.


Upskill 4.0, che ha tra i soci anche Unicredit, è una start up innovativa che lavora con mPMI e territori per lo sviluppo di soluzioni 4.0. Anche il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha riconosciuto come un’eccellenza di grande importanza, dedicandovi rilevanti investimenti nel PNRR. Grazie alla metodologia del design thinking, la collaborazione fra scuole e imprese permette di raggiungere risultati molto significativi.

Ora l’innovazione 4.0 è un affare anche delle micro imprese


“Come dimostra la varietà di imprese partecipanti, alcune delle quali appartengono a settori normalmente considerati poco innovativi – sottolinea Pietro Paolo Spada, Segretario di Confartigianato Imprese Sardegna – grazie a questa collaborazione è possibile immaginare percorsi nuovi e molto più inclusivi di innovazione 4.0 anche per le micro e piccole imprese”.

“È possibile aprire un capitolo nuovo della Transizione 4.0 – continua Spada – non riservato esclusivamente alle imprese più strutturate, ma aperto a tutte le imprese italiane”.


“Sottolineiamo come tale risultato sia è stato possibile grazie a una misura pensata e gestita da Sardegna Ricerche, “Microincentivi per l’innovazione” – ricorda la Presidente Lai – che rappresenta una buona pratica nazionale per le politiche pubbliche di sostegno all’innovazione, strumento che consente alle imprese, con poca burocrazia, di accedere a un incentivo contenuto (fino a 15.000 € e fino al 100% delle spese ammissibili per alcune tipologie di investimento) ma a banda larga sulle possibili aree di utilizzo, così da coprire esigenze e progettualità molto diverse”.

“Senza ombra di dubbio possiamo dire che si tratta di una misura molto utile e ben costruita – conclude la Presidente – che Confartigianato Imprese Sardegna si impegnerà a promuovere”.

Le imprese che si sono aggiudicate i microincentivi


Ecco le imprese aggiudicatarie, i progetti e gli ITS che li seguiranno sono i seguenti: Up School – Alberto Melis (Cagliari) – Education. Adelaide Carta Ecoage – Adelaide Carta (Guspini) – Moda. Il Gelato Aresu – Elisa e Caterina Aresu (Cagliari) – Gelateria. VEM – Massimo D’Atene (Cagliari) – Impianti. Eliseo Barber Shop – Antonio Pani (Quartu Sant’Elena) – Barbiere. PlayCar– Fabio Mereu (Cagliari) – ICT.

About Daniele Mereu

Studente magistrale in Relazioni Internazionali (Studi Euro-Mediterranei) presso l'Università di Cagliari. Laureato in Scienze Politiche e diplomato in Relazioni Internazionali per il Marketing.

Controlla anche

laboratory 563423 1920

“Entro il 2026 investimenti per 1.500in Ricerca

Gli investimenti del pharma in Ricerca & Sviluppo nel mondo sono in costante aumento, con una crescita …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *