Alexa Unica Radio
Cappuzzetto Rozzo 3

“Cappuzzetto Rozzo”, una fiaba per il Janas Festival 2021

Spettacolo organizzato da Le Voci di Astarte, con drammaturgia e regia di Rosalba Piras

 

Cappuzzetto Rozzo“, una fiaba ” ecologica” per il Janas Festival 2021  in piazza Chiesa a Masainas. In particolare lo spettacolo è organizzato da Le Voci di Astarte. Inoltre è di Abaco Teatro, con drammaturgia e regia di Rosalba Piras. La Piras è anche protagonista insieme a Tiziano Polese e Giuseppe Asuni. Si tratta di una moderna riscrittura della storia in cui la bambina ribelle e un po’ distratta,  dopo l’incontro con il lupo, imparerà ad amare e rispettare la natura.

La fiaba, sotto la direzione artistica di Sabrina Barlini, rappresenta un viaggio alla scoperta delle meraviglie del regno della natura. Una inedita versione “ecologica” della celebre favola tramandata da Charles Perrault e dai fratelli Grimm. Favola che racconta le disavventure di una giovane sognatrice che per far visita alla nonna malata e portarle un cestino colmo di leccornie deve attraversare il bosco e affrontare insidie e pericoli, come l’incontro con il lupo. È impreziosita dalle scenografie di Marco Nateri, con musiche e canzoni “a tema”.

Storia e obiettivi

In primo luogo la ragazzina prepotente e capricciosa indossa sempre l’inconfondibile mantellina rossa. Nel recarsi a casa della nonna, sceglie di percorrere un altro sentiero, ma la sua presenza nel bosco non passa certo inosservata. Questa volta incontrerà un animale un po’ meno affamato e molto più simpatico dei suoi omologhi fiabeschi. Sarà lui a condurre la bambina nella scoperta della flora e della fauna, a insegnarle il rispetto per l’ambiente e a farla riflettere sui rischi dell’incurie e del degrado, così che la passeggiata fuori città si trasformerà in un fondamentale rito di passaggio. ” “Cappuzzetto Rozzo” si propone di stimolare nei bambini la capacità di forgiare il proprio sguardo sul mondo – spiega l’attrice e regista Rosalba Piras-, no solo anche di sentire ciò che le fiabe hanno ancora da dire su temi che ci riguardano. Tra questi la tutela e il rispetto della natura, come si diventa indipendenti, come ci si difende dalle forze oscure che abitano dentro e intorno a noi infine come essere protagonisti di una storia di crescita”.



 

 

About Isabella Murgia

Isabella Murgia nata a Sassari, ma vivo a Cagliari dalla quinta elementare. Diploma di Liceo scientifico, laurea triennale in filosofia. Passione per il giornalismo e l'informazione.

Controlla anche

festival del turismo itinerante

Festival del turismo itinerante e delle attività all’aria aperta

L’altra faccia della Sardegna in vetrina ad Alghero dall’1 al 3 ottobre   Al via …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *