Alexa Unica Radio
vaccini

Certificazione Verde Covid 19, recupero dell’AUTHCODE

Da oggi l’authcode si recupera anche da soli. Le istruzioni per farlo arrivano in una nota il ministero della Salute.

“Basterà accedere alla nuova applicazione attiva sul sito www.dgc.gov.it, inserendo il codice fiscale, le ultime 8 cifre della tessera sanitaria e la data dell’evento che ha generato la certificazione verde (data dell’ultima vaccinazione o del prelievo del tampone o, per le certificazioni di guarigione, la data del primo tampone molecolare positivo)”, precisa la nota del dicastero.

Una volta ottenuto l’authcode, si potrà scaricare la certificazione dallo stesso sito con tessera Sanitaria o con l’applicazione Immuni.

“Anche i dipendenti delle istituzioni dell’Ue, il personale diplomatico e il personale di enti e organizzazioni internazionali che vivono sul territorio nazionale e che sono stati vaccinati in Italia, nonché i cittadini italiani iscritti all’Aire ,possono acquisire la certificazione verde Covid-19 dal sito istituzionale www.dgc.gov.it inserendo il codice fiscale o l’identificativo assegnato da Sistema tessera sanitaria. In questo modo possono accedere alla vaccinazione e la data dell’ultima vaccinazione, senza la necessità dell’Authcode“.

Le difficoltà segnalate

Questa iniziativa è attuata dal governo per via dei problemi segnalati da tanti cittadini che non hanno ricevuto sms o mail con il codice, o semplicemente lo hanno smarrito. Molti hanno lamentato, tramite messaggi sui social network, molte difficoltà ad accedere al numero di pubblica utilità 1500, attivo 24 ore su 24. Il numero, infatti, lamentano gli utenti, «risulta perennemente occupato o con tempi di attesa infiniti». La funzione di recupero dell’Authocode attraverso il numero telefonico è in funzione dal 12 luglio.

Ma molti utenti affermano che l’accesso telefonico a questo servizio è quasi impossibile e anche l’invio di mail all’indirizzo [email protected] non sembrava risolvere il problema.

Per tanti l’unica soluzione finora è stata recarsi in farmacia, dal medico di base o al centro vaccinale. Passo successivo era farsi reinserire da capo tutti i dati presenti sul foglio dell’avvenuta immunizzazione affinchè fosse generato il codice.

About Federico Ambu

Appassionato di calcio, storia, archeologia. Tifoso della Juventus, e amante del cinema di guerra e d' azione.

Controlla anche

Un ‘nuovo colesterolo cattivo’ aumenta i rischi per il cuore

Nota con la sigla Lp(a), si tratta di un importante fattore di rischio genetico, troppo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *