Alexa Unica Radio
Povertà

Il Reddito di cittadinanza non serve a trovare lavoro

“Abbiamo abolito la povertà.” Cosi il vicepremier e biministro, Luigi Di Maio, annunciava la grande vittoria sociale del M5S. Era il 2018. Il 36% che lo riceve non è povero e solo il 44% delle famiglie in difficoltà riceve il contributo

Sono passati 3 anni e tirare le somme sarebbe utile. Il Reddito di Cittadinanza (Rdc) aveva due pilastri: aiutare i poveri e creare lavoro. La misura non è servita a realizzare posti di lavoro se non quelli del personale aggiuntivo nei Centri per l’Impiego, assunto per l’occasione. Insomma, chi doveva trovare lavoro per gli altri lo ha trovato per se stesso. Per convincersene basterebbe leggere il rapporto dell’Inps presentato alcuni giorni fa.

Sul versante povertà rileviamo che il 36% dei percettori del RdC non è povero e solo il 44% delle famiglie in difficoltà riceve il contributo.

Misure di contrasto

Tanto valeva rifinanziare il Reddito di Inclusione (REI), approvato dal governo Gentiloni, che era una misura di contrasto alla povertà, ampliando le categorie beneficiarie e aumentando il fondo a disposizione.

Insomma, come il solito, si è fatta tanta propaganda per il RdC, illudendo le persone sulla possibilità di trovare lavoro e non centrando l’obiettivo della “abolizione della povertà.”, come sosteneva l’ex premier Di Maio.

“Ingenui i molti che ci hanno creduto”, dichiara il segretario Aduc Primo Mastrantoni.

About Alessio Zanata

Passione per la lettura e la musica.

Controlla anche

Leonardo Da Vinci

Scopriremo il DNA di Leonardo attraverso i suoi discendenti

Pubblicato un nuovo e più completo albero genealogico della famiglia del genio italiano. Il documento …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *