Alexa Unica Radio
Unknown
Unknown

Arriva l’auto comandata da remoto. Si chiama Halo

Halo è una startup americana che offre un servizio di car sharing prenotabile via app. La vettura arriva all’indirizzo richiesto e torna alla base da sola, ma non è a guida autonoma: a muoverla c’è un essere umano.
 
La startup Halo nasce negli Stati Uniti e offre un servizio di car sharing con vetture senza guidatore. Viene “pilotata” a distanza da dei professionisti umani: i veicoli si muoveranno grazie a dei comandi impartiti su un telecomando simile a quello delle macchinette radiocomandate di una volta. Naturalmente sono tutte vetture ad alimentazione elettrica, tutte connesse alla rete grazie alla tecnologia 5G. che viene offerta da T-Mobile, noto operatore telefonico americano (e non solo).
L’ufficio stampa di Halo ha reso noto che le prime corse destinate ai clienti verranno erogate a partire dalla fine dell’anno in corso.
Il funzionamento è molto intuitivo. Così come altre app di prenotazione veicoli, sarà possibile schedulare una data, un luogo ed un orario in cui si desidera che l’auto sia disponibile. Il pagamento avviene per mezzo carta di credito (o debito naturalmente) e si attende l’orario prestabilito. Naturalmente il procedimento si svolge tramite smartphone.
 
La singolarità del servizio offerto da Halo sta nel tipo di guida. L’automobile infatti è gestita completamente a distanza da un “pilota” umano sino al punto che il cliente ha definito in fase di conferma. Dopo, sarà il cliente stesso a guidare il veicolo per tutta la durata del noleggio. Non è nemmeno necessario cercare parcheggio, perché quando il cliente termina l’utilizzo, la gestione di Halo ritorna all’operatore. Che da remoto la trasferisce verso il punto deciso dal cliente successivo, e così via.
 
 

About Claudio Marongiu

Laureato in Scienze della Comunicazione, appassionato di elettronica e tecnologia, musicista amatore e viaggiatore

Controlla anche

emoji

Non possiamo più fare a meno delle emoji, e c’è una ragione

Le emoji che alleggeriscono la conversazione, si stanno diffondendo anche sul luogo di lavoro. Alleggeriscono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *