Alexa Unica Radio
knee 1406964 1920
knee 1406964 1920

Fibromialgia, si va verso il riconoscimento della malattia

La fibromialgia è una malattia che riguarda circa due milioni di italiani, nonostante questo non è ancora riconosciuta come malattia cronica all’interno dei Livelli Essenziali di Assistenza (Lea). 

Non essendo riconosciuta come malattia cronica invalidante non da diritto all’esenzione dal ticket e a tutele lavorative.

La fibromialgia è una malattia che riguarda quasi due milioni di italiani, i sintomi spaziano dai Crampi ai disturbi dell’umore, ma anche parestesie, insonnia, colon irritabile, e disturbi genito-urinari. Spesso è oggetto di banalizzazione da parte di chi non soffre del disturbo.

L’Associazione italiana sindrome fibromialgica (Aisf), per bocca della vicepresidente Giusy Fabio, lancia l’allarme “Siamo persone fragili e vulnerabili, e in questo periodo di pandemia avvertiamo un senso di abbandono e di frustrazione ma per gli altri siamo malati immaginari, ipocondriaci e sfaticati.”

Tuttavia la situazione sembra essere a un punto di svolta, grazie all’iniziativa di alcuni e alcune parlamentari, da sempre sensibili al tema.

Il disegno di legge 299

Nel disegno di legge 299, presentato nel 2018 dai senatori Boldrini e Parrini, propone il riconoscimento della fibromialgia come malattia invalidante cronica. Nonostante lo stop, dovuto alle note vicende sanitarie, l’iter legislativo prosegue e il dossier è al vaglio della Commissione. Un passaggio che permetterebbe non solo il riconoscimento ma anche la prevenzione della malattia, oltre che la necessaria formazione del personale medico.

Inoltre si permetterebbe il riconoscimento dell’associazionismo, oltre che l’esenzione dal ticket e la realizzazione dei centri di riferimento per i malati. Insomma, lo scopo finale della legge è la parificazione della fibromialgia con altre malattie croniche e invalidanti. 

Il 12 maggio ricorre la giornata mondiale della fibromialgia, una giornata dedicata all’informazione e alla sensibilizzazione.

About Daniele Mereu

Studente magistrale in Relazioni Internazionali (Studi Euro-Mediterranei) presso l'Università di Cagliari. Laureato in Scienze Politiche e diplomato in Relazioni Internazionali per il Marketing.

Controlla anche

terapia intensiva

Covid, anestesisti: “Oltre 90% pazienti in terapia intensiva non vaccinato”

“Maggior parte di età medio-alta ma anche qualche giovane, entrare in terapia intensiva significa avere …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *