Alexa Unica Radio
Il surfista Alessandro Piu
Il surfista Alessandro Piu

Sull’onda del successo e dell’inclusione

Unica Radio Podcast
Unica Radio Podcast
Sull'onda del successo e dell'inclusione
/

Intervista al surfista professionista Alessandro Piu sull’inclusione sociale e sulla passione per il mare

Aveva solo 10 anni quando ha cavalcato la sua prima onda, e dal giorno non si è più staccato dall’amata tavola da surf. Un ragazzo talentuoso che vive di emozioni; un concentrato di adrenalina pura. Un giramondo innamorato della vita e del mare. Un sardo doc che si è fatto conoscere in tutto il mondo, dalle coste dell’Australia a quelle delle Filippine. Il suo nome è Alessandro Piu, surfista professionista.

Alessandro Piu
Alessandro Piu

Mare magister vitae

“Per me il mare è come un maestro di vita. Ovviamente ho studiato, e sono andato a scuola; ma è stata l’esperienza portata dal surf che mi ha fatto crescere, sia dentro che fuori dall’acqua. Grazie a quello che adesso è il mio lavoro, ho girato il mondo, incontrando nuove culture e persone. Ho cercato di prendere il meglio da ogni popolo. I miei viaggi mi hanno fatto crescere, imparare lingue, e soprattutto, mi hanno aperto la mente. Il mare ti fa fare un bel bagno di umiltà.”

Quali sono le caratteristiche di un bravo surfista?

I surfisti, in generale, sono persone solari e curiose. Capita spesso che si facciano prendere dallo sconforto quando il mare non è favorevole o piatto. Questo perchè il mare, per loro, è come un farmaco in grado di allontanare qualunque preoccupazione; e “quando manca la medicina, il dolore si acutizza“. Per approcciarsi a questa disciplina è necessario lo spirito d’adattamento all’imprevedibilità. La mente deve essere sgombra da ogni pensiero, e soprattutto non ci si deve far prendere dal panico. E se, all’apparenza, potrebbe sembrare che sia il corpo ad avere il pieno controllo della situazione, in realtà, è la mente a rendere possibile la riuscita delle manovre. “I problemi di terra rimangono sulla spiaggia, in mare si pensa solo al surf“.

L’esperienza all’Istituto Penale per minorenni di Quartucciu

“I ragazzi, dell’Istituto Penale minorile di Quartucciu, hanno tutti un passato difficile, e hanno dovuto affrontare esperienze negative. L’iniziativa è stata molto bella, e ha visto la collaborazione di diversi artisti, tra cui il rapper Cool Caddish. Non sono andato lì per parlare di me o delle competizioni che ho vinto; ma per aprire loro una piccola finestra sul mio mondo, regalandogli qualche mia esperienza. Ho spiegato come funzionasse la tavola, e ho raccontato qualche piccolo aneddoto. In loro ho notato un cambiamento d’espressione e anche di attegiamento. Se inizialmente potevano essere un po’ intimiditi dalla situazione, diversa dal normale, alla fine sembrava che fossimo, semplicemente, un gruppo di amici che parlano di surf. Una visita che mi ha lasciato dentro emozioni contrastanti: da una parte ero felicissimo di aver potuto interagire con questi ragazzi, dall’altra sono uscito dall’istituto con una sensazione di forte malinconia. Infine ho invitato tutti i ragazzi a fare una surfata.” Hanno accettato? Lo scopriremo presto.

About Camilla Maccioni

Classe 2003, futura diplomata al liceo classico (almeno così si spera). Oltre alle lingue morte si dedica allo studio della chitarra classica e sogna di poter diventare concertista. La scrittura l'ha sempre affascinata, e per questo si sta avvicinando, a piccoli passi, al mondo giornalistico.

Controlla anche

Rivestimento isolante

“EnergyProtect”: rivestimento isolante per il Superbonus 110

Syneffex Inc. ha annunciato che il rivestimento per edifici EnergyProtect™ è ora disponibile in Italia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *