Alexa Unica Radio
CI CHI BUM La Botte e il Cilindro

Il Teatro Sant’Eulalia di Cagliari inaugura con “Ci-Chi-Bum!”


Due spettacoli inaugurano il 16 giugno la settimana di Marina Estate al Teatro Sant’Eulalia di Cagliari: apre “Ci-Chi-Bum.

Un doppio appuntamento apre l’intensa settimana di Marina Estate, rassegna teatrale per bambini e adulti proposta da Theandric Teatro Nonviolento negli spazi del Teatro Sant’Eulalia, con la direzione artistica di Maria Virginia Siriu. Domani (mercoledì 16 giugno) la giornata del festival inizia alle 17.30 con Ci-Chi-Bum! – note del mio viaggio in Brasile, nuova produzione al debutto, portata in scena dalla compagnia La Botte e il Cilindro.

Due attrici in uno spazio quasi vuoto e con pochi oggetti daranno vita a un diario di viaggio. Le note trasporteranno i piccoli spettatori come note musicali verso esperienze realmente vissute viaggiando alla scoperta di un Brasile inedito e ricercato. L’opera, ideata, diretta e interpretata da Consuelo Pittalis e Margherita Lavosi, si avvale del disegno luci di Paolo Palitta e della scenotecnica di Michela Grandi.


Alle 21 la farà da padrona la compagnia Anfiteatro Sud, con il pluripremiato e atteso spettacolo “S’Accabadora”. Lavoro in cui l’autrice Susanna Mameli mette a fuoco il lato umano e personale di una figura crepuscolare e sfuggente, ma storicamente reale, come quella di sa femmina Accabadora. Così veniva chiamata la donna che in passato, come sostengono anche gli ultimi studi sul tema, si occupava nelle comunità della Sardegna di dare non solo la vita, come levatrice, ma anche la “bona morte”, quando ormai la malattia non lasciava via di scampo. Le musiche sono di Paolo Fresu, in scena le attrici Elisa Pistis e Marta Proietti Orzella.

Appuntamento venerdì 18 giugno

Venerdì 18 giugno l’appuntamento per i più piccoli si terrà ancora una volta alle 17.30 ospitando la compagnia L’Effimero Meraviglioso con “Bianca come la neve” (scene e regia di Antonello Santarelli). Gli attori Giulia Giglio e Federico Nonnis, mentre alle alle 21 si alzerà il sipario per lo spettacolo “Fucilate l’Artista” (compagnia Maldimarem), di e con Ignazio Chessa e le musiche dal vivo di Dario e Riccardo Pinna.
Marina Estate è organizzata dalla compagnia Theandric Teatro Nonviolento con il contributo e sostegno del MiC Ministero della Cultura e dell’Assessorato della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport della Regione Autonoma della Sardegna.

Info biglietti

Il biglietto per gli spettacoli delle 17.30 costa 5 euro e l’abbonamento per tutti e 9 gli spettacoli costa 27 euro. I tagliandi per gli spettacoli delle 21 costano, invece, 8 euro, mentre l’abbonamento per tutti e 9 gli appuntamenti ha un costo di 45 euro. I biglietti si possono acquistare direttamente presso il teatro il giorno dello spettacolo dalle ore 17.

Il teatro

Il Teatro Sant’Eulalia è situato presso la chiesa di Sant’Eulalia, nel quartiere Marina a Cagliari. Il luogo di culto venne edificato nel XIV sec. dai Catalani, nel punto in cui si trovavano la torre pisana di Lapola (antico nome del quartiere Marina) e la chiesetta di S.Maria del Porto. Si tratta di una delle più antiche chiese del quartiere, costruita in stile gotico-catalano. Intitolata alla patrona di Barcellona dai Catalani che avevano appena conquistato la città. Venne modificata diverse volte fino alla costruzione dell’attuale facciata, risalente al XX secolo. All’interno presenta una navata unica con volta a stella.

Nel 1990, durante il restauro della sagrestia, venne scoperto un pozzo profondo 16 metri e colmo di detriti. Vennero quindi eseguiti degli scavi che portarono alla luce una porzione della città antica, tra cui una strada lastricata di epoca romana alla quale si sovrappose un’altra strada di epoca medievale. Sono stati portati alla luce anche i resti di un tempietto, un colonnato e vari ambienti sempre di epoca romana, successivamente riadattati nel periodo medievale. Alla chiesa è annesso il Museo del Tesoro di S. Eulalia, dove vengono custoditi paramenti e opere sacre di artigiani sardi dal XVI al XIX secolo, e il Teatro Sant’Eulalia.


La compagnia

Theandric Teatro Nonviolento nasce nel 2001 dall’incontro tra l’attore e regista Gary Brackett e l’attrice, regista e studiosa di filosofia Maria Virginia Siriu. L’esperienza intorno alla quale si concretizza il progetto teatrale è la ricerca condotta dai fondatori sul rinnovamento dei linguaggi artistici in relazione al ruolo sociale del teatro come veicolo capace di canalizzare e divulgare una riflessione critica sull’uomo contemporaneo.

L’associazione culturale Theandric svolge fin dalla sua fondazione un’attività di ricerca nell’ambito del teatro “politico”, inteso come teatro totale. Un teatro che non ammette frattura tra spazio scenico e sociale ma intende riflettere insieme allo spettatore sui temi più urgenti del vivere contemporaneo. Cercare insieme ad esso uno stimolo all’azione che necessariamente non si svolgerà nel momento in cui si vive il rito scenico, ma nella vita quotidiana. Questa ricerca si è focalizzata ben presto sulla nonviolenza come alternativa per la soluzione del conflitto a livello personale, sociale e politico. La nonviolenza è diventata una scelta di vita e il centro del lavoro teatrale. Persegue la sua diffusione e divulgazione attraverso due momenti: gli spettacoli e le manifestazioni culturali e i laboratori nei quali si lavora allo sviluppo della personalità nonviolenta attraverso le tecniche teatrali.


La direzione artistica

Maria Virginia Siriu: laureata in Filosofia all’Università degli studi di Cagliari. Debutta come attrice nello spettacolo Don Cristobal e Donna Rosita tratto da Federico Garcia Lorca per la regia di Guglielmo Ferraiola. Dal 1997 al 2000 approfondisce la formazione teatrale studiando con diversi membri del C.I.C.T. di Parigi diretto da Peter Brook: Bruce Myers, Yoshi Oida, Alain Maratrat, Tapa Sudana, Karunakaran Nair, Miriam Goldschmidt e Sotigui Koiuaté.

Nel 1997 frequenta un laboratorio del Living Theatre in cui conosce Judith Malina con cui collaborerà come direttrice di scena e assistente di regia fino al 2003 presso il Living Europa. Con la storica compagnia fondata da Beck e Malina parteciperà alla nuova produzione Resistenza Adesso e in workshop e riprese dedicate a produzioni classiche della compagnia come Mysteryes and the Small Pieces e Utopia. Dal 2003 cura le regie della compagnia Theandric, realizzando spettacoli che hanno spesso debuttato nei festival internazionali, su cui spicca il Fringe Festival di Edimburgo.

About Alessandra Massidda

Appassionata di Danze Etniche, studio e mi formo come insegnante. La fotografia è la mia seconda passione, fotografo e viaggio alla scoperta della mia terra, la Sardegna. La psicologia? la mia terza passione. Credo fortemente che l'arte in tutte le sue forme sia una terapia molto efficace. Dimenticavo , studio Beni Culturali e Spettacolo all'Università di Cagliari.

Controlla anche

dance

Porto Ferro, la danza di Ariella Vidach

Lo spettacolo “Elle_Live solo” è stato presentato al festival “Corpi in movimento” Porto Ferro. Un corpo-clone …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *