Alexa Unica Radio

Certificazioni linguistiche: boom di richieste

Dal mondo del lavoro arrivano tantissime richieste di lavoratori in possesso di certificazioni linguistiche. La conoscenza della lingua inglese è infatti considerata dal 96% delle aziende un requisito fondamentale.

Le certificazioni linguistiche sono ormai diventate indispensabili per inserirsi nel mondo del lavoro con maggior facilità e più velocemente. Gli studi condotti nell’ultimo anno confermano infatti quanto inserire nel curriculum un attestato linguistico possa fare la differenza: ben il 96% delle aziende italiane considera la conoscenza dell’inglese un requisito fondamentale per il proprio business. A ciò bisogna aggiungere che 1 studente su 3 oggi prende seriamente in considerazione la possibilità di iscriversi ad un’università straniera dopo il diploma e nel contempo sono moltissimi coloro che vorrebbero trasferirsi definitivamente oltre confine per cercare un nuovo lavoro. Uno scenario che si presenta dunque in evoluzione e che fa crescere l’interesse nei confronti delle scuole di lingue, prese letteralmente d’assalto nell’ultimo anno.

Non a caso, i corsi di inglese a Roma di MyES hanno registrato un notevole incremento di iscrizioni da parte dei ragazzi ma anche di chi un lavoro lo ha già ma ha bisogno di una certificazione per riuscire a fare carriera.

Lavorare o studiare all’estero: le certificazioni indispensabili

Una certificazione di lingue al giorno d’oggi non è un optional ma proprio indispensabile per tutti coloro che intendano iscriversi ad un’università fuori confine o che vogliano lavorare all’estero. Naturalmente, la tipologia di certificazione cambia a seconda dei propri obiettivi. Cambia inoltre in relazione allo Stato in cui si ha intenzione di trasferirsi. Dunque conviene informarsi bene prima di intraprendere un percorso di studio mirato.

IELTS e TOEFL: per chi intende studiare all’estero

IELTS e TOEFL sono le due certificazioni linguistiche ad oggi più importanti per gli studenti interessati a proseguire i propri studi all’estero. La prima è necessaria per l’ammissione nelle università britanniche. E’ riconosciuta oggi da ben 10.000 atenei, aziende ed agenzie non governative in tutto il mondo. Il TOEFL invece è la certificazione richiesta dalle università degli Stati Uniti, ma si rivela utile anche per coloro che hanno in programma di trasferirsi in Australia, Canada e Nuova Zelanda o di conseguire master all’estero. In entrambi i casi, la durata della certificazione è di 2 anni.

TOEIC: per chi intende lavorare per una grande azienda

Il TOEIC è una certificazione di lingue differente dalle precedenti, in quanto maggiormente concentrata sul Business English. Spesso viene richiesta dalle grandi aziende che operano in contesti internazionali o che hanno sede all’estero ed è particolarmente importante in Asia, negli Stati Uniti, in Canada e in Messico. Inserirla nel proprio curriculum può tuttavia rivelarsi utile anche in Italia. Questo visto il fatto che sono sempre più le multinazionali e le realtà imprenditoriali aperte al mondo internazionale. Anche il TOEIC ha una durata di 2 anni.

Cambridge e LanguageCert

Spesso molto richieste sono anche le certificazioni Cambridge e LanguageCert, che sono riconosciute praticamente ovunque e non hanno scadenza. La prima, conosciuta anche con il nome di First, attesta un livello intermedio di inglese ed è utile sia in Italia che all’estero: è una delle certificazioni più diffuse in assoluto nel nostro Paese. Il LanguageCert invece è un esame introdotto di recente e si basa sull’utilizzo di tecnologie avanzate: valido sia in Italia che al di fuori dei confini nazionali per attestare la propria conoscenza della lingua.

About Mattia Atzeni

Amo addentrarmi negli infiniti universi creati dal Cinema. Respiro agonismo seguendo e praticando vari sport. Amo la musica vintage e lo stile retrò.

Controlla anche

Monitoraggio Nazionale Percorsi ITS

Monitoraggio ITS 2021, l’80% dei diplomati trova lavoro entro un anno

Disponibile il monitoraggio nazionale 2021 dei percorsi ITS, realizzato da Indire su incarico del Ministero …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *