Alexa Unica Radio
Spazio

Nanosatelliti, lo sciame che ci aiuterà a colonizzare lo Spazio

I nanosatelliti sono stati i protagonisti di una conferenza organizzata dalla Italian Technion Society. “Il nostro obiettivo è creare un ponte tra l’ecosistema tecnologico israeliano e il mondo accademico e aziendale italiano”.

Sono sempre più piccoli, ma con un concentrato di altissima tecnologia. Sono i nanosatelliti, una folla spaziale che rappresenta una voce fondamentale della New Space Economy. Sulla Terra non richiedono i raffinati test in enormi “camere pulite”. E anche i costi di lancio sono contenuti e in genere vengono inviati in orbita come carico secondario. I nanosatelliti, le tecnologie che contengono, le loro applicazioni sono stati i protagonisti di una conferenza via webinar organizzata dalla Italian Technion Society, con Remy Cohen, presidente esecutivo, e Nora Alkabes, segretario generale. “Il nostro obiettivo è creare un ponte tra l’ecosistema tecnologico israeliano e il mondo accademico e aziendale italiano. Cominciamo da un settore-chiave come lo Spazio e poi replicheremo in aree come la medicina, la farmaceutica e l’energia”.

Icona dei nanosatelliti è il progetto ideato da Pini Gurfil, professore al Technion. “L’iniziativa si chiama Adelis-Samson” ha spiegato l’ingegnere, che è anche direttore dell’Asri, l’Asher Space Research Institute. “I primi 3 strumenti, a forma di parallelepipedo e sormontati da pannelli fotovoltaici, li abbiamo inviati in orbita lo scorso 22 marzo con un razzo russo Sojuz Fregat e sono regolarmente in attività. Li abbiamo dotati di un know-how per l’osservazione della Terra e dei mari”.

Hanno esposto i loro pannelli al Sole e hanno iniziato a puntare gli obiettivi. “Sono stabilizzati su 3 assi e le stazioni di terra normalmente impiegate per il telerilevamento ci forniscono ogni dato durante la traiettoria orbitale. I nanosatelliti rappresentano un presente che è già futuro. Rappresentano un investimento nell’ambito dell’Industria 4.0 e di quella che è nota come Smart Revolution”.

In partnership con l’Esa, l’Agenzia Spaziale Europea, e con Thales Alenia Space Italia per la parte industriale, il team di Gaudenzi è leader nello smart manufacturing per la produzione in larga scala di costellazioni di nanosatelliti.

About Elisabetta Serra

Studentessa di Beni Culturali e Spettacolo presso l'Università di Cagliari.

Controlla anche

taking notes 3475991 340

Sassari, conferenza su origini dei lavori virtuali

Get Widget Università di Sassari. Lunedì 21 Novembre si terrà una conferenza dal titolo ”Le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *