Alexa Unica Radio
artrite
artrite

“Remissione artrite reumatoide con diagnosi è precoce”

Dolori ovunque, rigidità, stanchezza, è l’artrite reumatoide, malattia autoimmune che compare in persone giovani.

All’Apmarr il premio per il miglior abstract presentato al Congresso europeo di reumatologia, unica associazione di pazienti in Europa a ricevere il riconoscimento per le attività che “abbiamo realizzato in questo periodo difficile di emergenza sanitaria – evidenzia la presidente Celano – per fornire supporto psicologico e servizi concreti a favore delle persone con patologie reumatologiche, malattia autoimmune“.
Dolori ovunque, rigidità, stanchezza, gonfiore a polsi e dita delle mani che si fa sentire di notte e al mattino. E’ l’artrite reumatoide, malattia autoimmune che compare in persone giovani, tra i 40 e i 60 anni, ancora nel pieno della loro attività sociale, familiare e lavorativa.
In Italia convivono con la patologia circa 300mila persone, secondo la Società italiana di reumatologia, in prevalenza donne (con un rapporto di 3 a 1 sugli uomini). Se non controllata e ben gestita, l’artrite reumatoide avanza. E così, compiere gesti quotidiani e banali come salire le scale, fare i lavori di casa o aprire una bottiglia diventa impossibile. Per questi pazienti (e i reumatologi), la parola d’ordine è remissione.

L’affermazione della presidente dell’associazione

 
“Sappiamo che la remissione non significa guarigione, ma per noi pazienti è una vacanza dalla malattia – afferma Antonella Celano, presidente dell’Associazione nazionale persone con malattie reumatologiche e rare (Apmarr) – Significa poter convivere con l’artrite reumatoide senza drammi. La patologia fa sì parte di noi, ma non ci condiziona, non è più una spada di Damocle.
La remissione consente di riappropriarci del nostro tempo, dei nostri progetti, ma tutto è legato al fattore tempo. Una remissione è infatti possibile solo se si arriva a una diagnosi precoce. E il tempo è fondamentale tanto per il paziente quanto per il medico, che deve immediatamente accertare la patologia per poi raggiungere l’obiettivo della remissione con i farmaci adeguati. Purtroppo, a causa delle lunghe liste di attesa, arrivare a una diagnosi tempestiva è spesso impossibile. Non tutti i pazienti possono permettersi visite a pagamento”.

About Alessandra Massidda

Appassionata di Danze Etniche, studio e mi formo come insegnante. La fotografia è la mia seconda passione, fotografo e viaggio alla scoperta della mia terra, la Sardegna. La psicologia? la mia terza passione. Credo fortemente che l'arte in tutte le sue forme sia una terapia molto efficace. Dimenticavo , studio Beni Culturali e Spettacolo all'Università di Cagliari.

Controlla anche

Al via la terza edizione di Padel & Salute

Parte il 4 ottobre la manifestazione Padel e Salute. Coordinata da Stefano Arcieri, docente del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *