Alexa Unica Radio
spazio

Selezione al femminile per andare sulla Luna e su Marte

Il 16 giugno 1963, la ventiseienne Valentina Tereshkova partiva nello spazio. Per tre giorni avrebbe orbitato intorno alla terra 48 volte.

Tereshkova, operaia tessile, anche se non aveva alcuna esperienza come pilota, entrò nel programma anche grazie ai suoi 126 salti col paracadute. Era comunque una competenza non da poco visto che all’epoca, i cosmonauti dovevano lanciarsi con il paracadute dalle loro capsule pochi secondi prima di toccare il suolo per tornare sulla Terra. Tra 400 candidati, la scelta ricadde su di lei. Era russa anche la seconda donna nello spazio: Svetlana Savitskaya. Nel 1982, fu la prima a volare con un equipaggio, ad andare a bordo di una stazione spaziale (Salyut 7), a fare un’attività extraveicolare (EVA) e ad andare due volte nello spazio (1982 e 1984).

Gli Stati Uniti aprirono la selezione degli astronauti alle donne solo nel 1978 e nel 1983, Sally Ride fu la prima donna americana a volare nello spazio, come specialista di missione dello Shuttle. Sally Ride raccontò tempo dopo in una intervista: “Gli ingegneri della Nasa, nella loro infinita saggezza, decisero che le astronaute donne avrebbero voluto truccarsi. Immaginate le discussioni tra gli ingegneri di sesso maschile su cosa il kit avrebbe dovuto contenere”. In conclusione, il kit di trucco restò a terra e ora si trova nel National Air and Space Museum degli Stati Uniti. 

La prima europea ad andare nello spazio, in una missione finanziata con fondi privati sulla stazione spaziale russa Mir, fu l’astronauta britannica Helen Sharman, nel 1991. Seguì nel 1996 Claudie Haigneré, laurea in medicina e dottorato in neuroscienza, selezionata dall’agenzia spaziale francese Cnes nel 1985. E nel 2008, entrò a far parte del team Esa, Samantha Cristoforetti che ha già collezionato una serie di record, come quello del periodo più lungo trascorso nello spazio da una donna in una singola missione nel 2015, e precisamente 194 giorni, 18 ore e 2 minuti.

La Nasa ha reclutato 18 astronauti, di cui la metà donne, per il programma Artemis (sorella gemella di Apollo) di cui anche l’Esa è partner. Destinazione la Luna.  E uno degli obiettivi è quello, già dal 2024 di portare per la prima volta una donna astronauta  sul nostro satellite. Missione ambiziosa. 

Ma c’è un aneddoto, rispetto alle carriere femminili alla Nasa, che merita di essere raccontato. Alla fine degli anni 90′ la direzione della Scienza era composta da: Sistema Solare, Sole-Terra, Universo. Ad ogni tema spettava un leader. E fu così che la scienziata Anne Kinney, diventò  la prima donna in assoluto a poter vantare il titolo di “Director of the Universe”.

Dopo 12 anni dalla scorsa campagna astronauti, l’Esa ha lanciato a fine marzo una nuova selezione che si chiuderà il 18 giugno. L’ambizione è quella di attirare una grande diversità di partecipanti e avere molte più donne che entrano a far parte di questa grande avventura umana che è l’esplorazione. Ci saranno le prospettive del programma Artemis. Ma si guarda già avanti. E magari un giorno potrà essere europea la prima donna su Marte. L’esplorazione spaziale al femminile non aspetta ed è ora.

About Elisabetta Serra

Studentessa di Beni Culturali e Spettacolo presso l'Università di Cagliari.

Controlla anche

spazio

Cina, partita la nuova era spaziale nella stazione di Tiangong

La Cina ha iniziato a costruire il suo nuovo “Palazzo celeste”, un razzo Lunga Marcia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *