Alexa Unica Radio
AIRBNB
AIRBNB

Dopo la pandemia, Airbnb si reinventa all’insegna del turismo flessibile

La piattaforma Airbnb si reinventa a seguito della pandemia e lancia nuovi strumenti per ispirare la ricerca e trasformare chiunque in un perfetto host

Dopo il crollo legato alla pandemia, che ha fatto precipitare i viaggiatori internazionali, un pezzo di mondo sta ripartendo grazie alle campagne vaccinali. Airbnb lancia delle novità per sostenere il ritorno del turismo. Lo slogan è “Travel is back”.

Novità svelate da Brian Chesky, l’amministratore delegato che nel 2007 co-fondò Airbnb a San Francisco insieme a Joe Gebbia e Nathan Blecharczyk. Si tratta del più ampio aggiornamento di sempre, necessario per rispondere ai grandi cambiamenti che abbiamo di fronte. Dicendosi ottimista e, di più, convinto nel più grande rimbalzo dei viaggi in un secolo. Anche per il ribaltamento delle abitudini, per il telelavoro e per un sensibile mutamento negli stili di vita.


Gli aggiornamenti sono pensati per migliorare l’esperienza degli ospiti come degli “host”. Il 50% degli annunci pubblicati nei primi tre mesi dell’anno, ancora in piena pandemia, ha ricevuto la prima prenotazione entro quattro giorni dalla pubblicazione. Un processo ancora più veloce che si chiude in non più di dieci passaggi. Tutti gli aspetti collegati (dalla messaggistica con i viaggiatori alla lista delle cose da fare in giornata) sono stati riorganizzati in modo efficiente. Da 11 a 42 lingue supportate.


La novità è la flessibilità. La funzionalità si chiama proprio “I’m flexible”. Sono flessibile, e funziona in tre modi. Propone soluzioni di alloggio diverse in base alla flessibilità di date, di strutture e destinazioni. Per chi ospita, invece, la vita si farà più facile. Si potranno offrire più facilmente delle esperienze organizzate in proprio ai suoi e altri ospiti. Sarà possibile aggiungere, grazie anche all’intelligenza artificiale, foto e dettagli.

Il centro assistenza è rinnovato, conta ora il doppio degli addetti dedicati. In trenta secondi si può ottenere aiuto in molte lingue ed esordisce il City Portal utile ai funzionari comunali per approfondire politiche normative e sugli affitti e i consigli si fanno personalizzati.

Airbnb ha infine annunciato che lavorerà insieme a Touring Club Italiano per la valorizzazione dei 252 borghi certificati con la Bandiera Arancione. Lo storico riconoscimento di qualità turistico-ambientale conferito ai comuni dell’entroterra italiano che si distinguono per livello dell’offerta, dell’accoglienza e per la gestione ambientale.

About Chiara Carboni

Studentessa presso l'Università di Cagliari - Beni Culturali e Spettacolo. Appassionata di cinema, arte e musica. Ogni tanto mi piace immergermi nelle meraviglie della nostra Terra.

Controlla anche

monkeys g968b947f2 1920

Oms: il vaiolo delle scimmie non causerà un’altra pandemia

Get Widget L’Organizzazione mondiale della sanità ha fatto il punto sulla diffusione del virus. Ci …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *