Alexa Unica Radio
Sardegna

Mont’e Prama: Solinas rilancia progetto Fondazione

Il futuro organismo – composto da Mibact, Regione Sardegna e Comune di Cabras – si occuperà della rinascita culturale del sito di Mont’e Prama.

I cosiddetti “Giganti” di Mont’e Prama sono riproduzioni di guerrieri, arcieri, nuraghi, senza eguali nel Mediterraneo occidentale della prima Età del Ferro. Le statue sono datate tra IX e VIII secolo a.C. e adornavano una necropoli monumentale scoperta nel 1974-75 nella località di Mont’e Prama.

Per la valorizzazione e gestione del patrimonio archeologico e culturale del Sinis, si parla di un organismo composto da Mibact, Regione Sardegna e Comune di Cabras. Ma, secondo Solinas, perché si realizzi un protagonismo deciso, è necessario che la Fondazione abbia testa e gambe in Sardegna.

Non è accettabile che su un aspetto così importante e rappresentativo come la scoperta dei Giganti Mont’e Prama, caso pressoché unico a livello mondiale, venga calato dall’alto un nome che non ha dimestichezza con la cultura sarda, la sua storia e la sua identità, non rappresentando pienamente il territorio.

Solinas conclude sottolineando che la Sardegna, in virtù della sua storia millenaria, ha il diritto, oltre che le competenze, di vedersi rappresentata nei suoi valori identitari, culturali e storici. Bisogna quindi prendere coscienza del valore storico e culturale della terra sarda. Per farlo non si può lasciare ad altri quel ruolo di guida che per troppo tempo la Regione non ha avuto. Bisogna valorizzare le ricchezze archeologiche, che rappresentano un quinto dell’intero patrimonio nazionale. Si ha così la possibilità di attuare una piena e reale promozione del territorio. Questo può contribuire anche alla lotta allo spopolamento e a creare occasioni per l’occupazione attraverso nuove forme di sviluppo.

About Elisabetta Serra

Studentessa di Beni Culturali e Spettacolo presso l'Università di Cagliari.

Controlla anche

Restauro Giganti Mont’e Prama, prove di distensione

Rinviato il sopralluogo della Soprintendeza, museo riapre venerdì 26. Ma il sindaco Abis chiede ancora …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *