Alexa Unica Radio
siotto
siotto

Galleria Siotto riapertura: inaugurazione il 20 maggio

Riapre Galleria Siotto dal 20 Maggio al 30 maggio 2021 Inaugurazione: 20 maggio ore 18:00

Il 20 maggio alle ore 18.00 si svolgerà l’inaugurazione della Galleria Siotto di Cagliari. I lavori fotografici di Massimiliano Caria sono virtuosi nella tecnica e impeccabili nella messa in scena. Essi sembrano esaltare l’autorità del personaggio raffigurato, ma ne mettono in luce l’intima natura prepotente, egocentrica, forse anche misogina.

Oggetti Personali: progetto dalle varie sfaccettature

Oggetti Personali è un progetto a più sfaccettature. Massimiliano Caria dà vita a una galleria di ritratti che giocano a immedesimarsi nella pittura colta e raffinata del 600 europeo. Ossia l’arte che va da Rubens a Van Dyck a Velàsquez. Fino alla ritrattistica ottocentesca di David, Ingres e Goya, in un garbato e impertinente sistema di richiami.


Il progetto della galleria, nato nel 2013, si è andato sviluppando nel tempo ampliando la casistica di figure solenni in costume. Tutte ambientate in uno spazio essenziale eppure significativo del ruolo interpretato. Banchieri, alte cariche militari, esploratori, prelati, filosofi. Tutti vengono colti dall’obbiettivo di Caria in posa monumentale, leggermente scorciati e da un punto di vista ribassato, volto e mani in evidenza, sguardo intenso e ammiccante, contatto con osservatore assicurato. Compiaciuto di sé, in atteggiamento eroico, a volte sfrontato, nella posa altezzosa Tutto ciò bloccato nella dimostrazione di un io che passa attraverso il membro virile e finisce per innescare l’effetto contrario al presupposto di partenza. Il sentimento del ridicolo stringe da ogni parte il personaggio, lo colloca, suo malgrado, su un piedistallo umoristico, lo rivela nella nudità della debolezza umana.


Se poi si guarda meglio agli aspetti compositivi di queste microstorie non si potrà non cogliere, pur nella essenzialità della scena costruita in studio, una strisciante bellezza delle cose che seduce lo spettatore e che diventa la metafora stessa del potere e dei suoi subdoli effetti. Nell’estetica decadente in cui si staglia la figura maschile che cerca conferme di se stesso c’è la denuncia, neanche poi così velata, di un mondo fatuo, animalesco, di cui possiamo, con consapevole sicurezza, sorridere a distanza.

About Stefania Crobu

Studentessa di Beni culturali e spettacolo. Appassionata di arte, cinema, musica, sport e cucina.

Controlla anche

movie theater ga3046b69f 1920

film a Cagliari al via la rassegna Cinema

Dopo la prima edizione del 2019, ritorna la rassegna “Cinema e censura”, 15 film che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *