Alexa Unica Radio

Il rapporto tra scarsa igiene nei luoghi di lavoro e salute

L’89% degli italiani considera la scarsa igiene sul luogo di lavoro una delle cause della trasmissione di malattie o infezioni. Il 72% ritiene che il datore di lavoro dovrebbe prestare maggiore attenzione a queste tematiche.

La prevenzione e la promozione della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro sono rimaste, per diversi anni, attività secondarie per numerose organizzazioni, sia pubbliche che private. La scarsa igiene ha rappresentato per anni un problema nei luoghi di lavoro. Negli ultimi anni, però, si è registrato un significativo cambio di rotta. Ciò è motivato dalla consapevolezza che una convinta e diffusa promozione della salute nei luoghi di lavoro abbia effetti nel lungo periodo sia sul benessere del lavoratore che sulla sua produttività.

Rentokil Initial, leader mondiale in servizi di disinfestazione, disinfezione e servizi per l’igiene, da sempre attenta a questi temi – oggi più che mai attuali alla luce dell’emergenza sanitaria legata al COVID-19 – ha indagato proprio sul rapporto tra italiani e igiene nei luoghi di lavoro attraverso una ricerca condotta da BVA-Doxa

L’influenza del Covid

Il rapporto tra igiene nei luoghi di lavoro e salute. Gli aspetti di approfondimento della ricerca si sono concentrati su come l’emergenza sanitaria legata al COVID-19 abbia influito. Questo sull’importanza percepita della pulizia e disinfestazione nei luoghi di lavoro e quanto i lavoratori italiani diano importanza all’igiene in questi ambienti. Senza dimenticare il ruolo che questi servizi, fondamentali per la salute, ricoprono anche nella gradevolezza degli ambienti e sulla produttività lavorativa.

Dall’indagine BVA-Doxa per Rentokil Initial emerge che per gli Italiani tutti gli aspetti riguardanti l’igiene degli ambienti influiscano in modo significativo su una buona produttività. Tra tutti, le donne (79%) si rivelano più sensibili su questo tema, così come gli addetti dei settori ospitalità/ristorazione, sanitario e scuola/impianti sportivi.

Oltre 7 milioni di lavoratori italiani sono fanatici dell’igiene. Quasi 9 lavoratori su 10 (89%) consideravano – già prima dell’emergenza sanitaria – la scarsa igiene sul luogo di lavoro una delle cause della trasmissione di malattie o infezioni. Dopo la pandemia, oltre la metà (54%) ritengono che sia la causa principale. Quest’ultimo dato raggiunge addirittura l’81% fra coloro che lavorano nella sanità.

Secondo i lavoratori intervistati, l’attenzione alla pulizia e all’igiene da parte delle aziende/datori di lavoro prima della pandemia non era molto elevata. Ad eccezione dell’igiene dei sanitari (54%). Il 72% ritiene che il datore di lavoro dovrebbe prestare maggiore attenzione – post emergenza sanitaria – soprattutto all’igienizzazione generale degli spazi e delle superfici.

I metodi di sanificazione

Proprio a questo proposito, è importante fare chiarezza anche sull’efficacia dei metodi utilizzati per la sanificazione degli spazi, così come precisato da ISS e Ministero della Salute che confermano la teoria di ANID riguardo l’errata pubblicizzazione e l’uso improprio di ozono nelle attività di sanificazione.

“Secondo la normativa vigente, essendo l’ozono generato in siti attraverso dei macchinari e non essendo un formulato registrato come biocida –  dichiara Marco Benedetti, Presidente di Anid – non può essere utilizzato per attività di disinfezione e sanificazione per trattamenti ambientali. Mentre è consentito ed autorizzato per il settore alimentare, la disinfezione delle acque e degli impianti di canalizzazione dell’aria e come ozonoterapia in ambito medico. Resta di fatto che l’utilizzo dell’ozono deve essere effettuato da professionisti formati.”

“Rentokil Initial non può che condividere la posizione di ANID – dichiara Elena Ossanna, Amministratore Delegato Rentokil Initial – e confermare quanto sia importante, in questo momento di emergenza sanitaria, fare chiarezza e comunicare i metodi più efficaci per la sanificazione e la disinfezione negli ambienti di lavoro. Da parte delle aziende, si tratta di una tutela doverosa nei confronti dei propri dipendenti e della loro salute.”

About Mattia Atzeni

Amo addentrarmi negli infiniti universi creati dal Cinema. Respiro agonismo seguendo e praticando vari sport. Amo la musica vintage e lo stile retrò.

Controlla anche

duchenne

Distrofia muscolare di Duchenne, il 7 settembre la Giornata mondiale

Oggi, 7 settembre, in tutto il mondo, si celebra la Giornata mondiale di sensibilizzazione sulla …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *