Alexa Unica Radio
scrittrice
scrittrice

Grazia Deledda: omaggio nel 150esimo dalla nascita

Primo evento in programma, la première del film “Grazia Deledda la rivoluzionaria” di Cecilia Mangini, che verrà trasmesso durante IsReal.


Primo evento in programma, la première del film “Grazia Deledda la rivoluzionaria” di Cecilia Mangini, che verrà trasmesso durante IsReal – Festival del cinema del reale, in calendario a Nuoro dal 25 al 30 maggio.

Le è stato dedicato un cratere di 32 km di diametro sul pianeta Venere. L’Accademia di Stoccolma le ha conferito il Premio Nobel per la Letteratura, nel 1926, il riconoscimento più prestigioso, ambito da ogni scrittore. Prima e unica donna italiana (nel 1986 arriverà Rita Levi Montalcini, ma per la Medicina). Grazia Maria Cosima Damiana Deledda, nota semplicemente come Grazia, o in sardo Gràssia, era nata a Nuoro il 28 settembre del 1871: esattamente 150 anni fa.

Per celebrare la scrittrice che da autodidatta seppe raccontare magistralmente la Sardegna e la sua gente, la donna che ruppe ogni convenzione sociale scrivendo da sola il proprio destino, lISRE (Istituto Superiore Regionale Etnografico), l’ente custode della Casa Museo dove il Premio Nobel nacque, oltre che di suoi numerosi manoscritti, ha avuto l’incarico di avviare l’organizzazione del programma delle celebrazioni e che sarà ricco e articolato di eventi, anche itineranti.

Il messaggio del Presidente della Giunta Regionale

Presentando la ricorrenza, il Presidente della Giunta regionale Christian Solinas con una nota dice: “La Sardegna è orgogliosa e fiera di ricordare l’anniversario della nascita di Grazia Deledda. Scrittrice che ha saputo narrare l’anima profonda dell’Isola e del suo popolo. Volle sfidare i denigratori della sua terra (“il mio ideale è di sollevare in alto il nome del mio paese, così mal conosciuto e denigrato al di là dei nostri malinconici mari, nelle terre civili”, scrisse nel 1891). Con il suo talento naturale, accompagnato dall’originalità del suo stile, contribuì a raccontare la Sardegna del suo tempo.

Si impose all’attenzione della Fondazione Nobel, ottenendo il più alto riconoscimento letterario mondiale: “Per la sua potenza di scrittrice, sostenuta da un alto ideale”, si leggeva nella motivazione del Premio. Per troppo tempo fu marginalizzata e perciò non celebrata e letta come avrebbe meritato. Eppure la Deledda è riuscita ad affermarsi come intellettuale sottile e colta. Riuscì anche ad intrattenere rapporti significativi con scrittori e artisti del suo tempo. Dimostrò grande personalità e determinazione inconsueta per una donna di quel tempo. Anche se si trasferì a Roma, non recise mai le radici con la sua amata Sardegna e grazie alla forza della sua scrittura si affermò nel campo della letteratura europea”

Spiega il Commissario straordinario dell’ISRE

“Siamo fieri di aver steso un programma complesso e articolato che rende omaggio a una grande donna il cui messaggio profondo è  spesso poco compreso ” spiega Stefania Masala, Commissario straordinario dell’ISRE. “La scrittura della Deledda indaga la crisi dell’esistenza davanti allo smarrimento delle coscienze deluse dalle promesse del Positivismo di stampo Ottocentesco. La salvezza arriva da un ritorno alla fede, dal sacro, dalle radici, elementi di cui i suoi romanzi sono intrisi, e ci offre un messaggio di speranza. Oggi come ieri, nei momenti di crisi bisogna recuperare i valori della tradizione”.

La Deledda” prosegue la Masala “è stata la più importante scrittrice italiana di sempre. La celebrazione non vuole solo essere il momento del ricordo e dell’omaggio, ma soprattutto vuole esaltare la donna. Il suo spirito avanguardistico e al tempo stesso tradizionale, l’animo orgoglioso e battagliero, la sua tenacia e granitica resistenza alle avversità, il suo  sguardo femminile del mondo  e sul mondo. Vuole essere un ringraziamento a quella donna sarda che amava la sua Sardegna. Si era allontanata per crescere e coltivare il sogno di rendere omaggio alla sua amata terra.  Io credo che debba uscire dal cono d’ombra  in cui spesso è rilegata, e le iniziative dell’ISRE mirano proprio a  farla conoscere il più possibile, riscoprirne la figura e l’attualità dell’opera”.

Il programma delle attività istituzionali dell’Istituto si avvierà sin dalla fine di maggio con la sesta edizione di IsReal – Festival di cinema del reale (25 al 30 maggio).

Durante il Festival, in modalità mista – in presenza e on line,  sarà presentato, in anteprima assoluta, il film prodotto dall’ISRE “Grazia Deledda la rivoluzionaria”, diretto da Cecilia Mangini e Paolo Pisanelli. La proiezione assume valore particolarmente rilevante anche in relazione alla recente scomparsa della grande documentarista.

Nei mesi successivi l’Isre ha in programma diverse iniziative tutte orientate a esaltare la donna che ci parla,  e inviteranno alla conoscenza di  Grazia attraverso vari generi di approccio. Dalla proiezione di film a rappresentazioni teatrali e concerti, da esposizioni di documenti e opere a percorsi sensoriali, fino a momenti di approfondimento di grande rilevanza scientifica.

In particolare l’Isre proporrà “ Le giornate deleddiane”  convegni, incontri e certamen in lingua italiana e sarda che abbia come focus l’universo femminile nelle opere di Grazia Deledda. Vedono coinvolti esperti di università sarde, nazionali e straniere, intellettuali e esponenti del mondo della cultura, docenti e studenti.

Le Giornate Deleddiane saranno programmate tra ottobre e dicembre, oltre che a Nuoro, anche a Cagliari e Sassari, con il contributo scientifico  di due autorevoli  studiosi  deleddiani, i docenti Duilio  Caocci e Dino  Manca, appartenenti  rispettivamente  alle Università  di  Cagliari  e  di  Sassari,  e delle   saggiste Maria  Elvira  Ciusa  e  Neria De Giovanni. 

Ciascuna sessione cittadina composta da almeno due giornate,  esalterà la grande figura di donna che la Deledda è stata, e che, dice la commissaria  Stefania Masala, ci piace omaggiare con una sua frase celebre  densa di ogni significato: “ Bisogna cercar di vivere sopra la propria vita, come la nube sopra il mare”.

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Alessandra Massidda

Appassionata di Danze Etniche, studio e mi formo come insegnante. La fotografia è la mia seconda passione, fotografo e viaggio alla scoperta della mia terra, la Sardegna. La psicologia? la mia terza passione. Credo fortemente che l'arte in tutte le sue forme sia una terapia molto efficace. Dimenticavo , studio Beni Culturali e Spettacolo all'Università di Cagliari.

Controlla anche

Salvatore Garau

Le opere che non esistono

Salvatore Garau, che ha fatto “dell’assenza una materia prima”, ha venduto una scultura invisibile per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *