Alexa Unica Radio
Mercatocibo 625x400 1
Mercatocibo 625x400 1

Bonus Bellanova: fermo al Palo per un’impresa su 4 Fipe-Confcommercio

A nove mesi dall’entrata in vigore del decreto agosto, che conteneva il cosiddetto bonus Bellanova per l’acquisto di prodotti agroalimentari locali, i contributi alle aziende sono ancora fermi al palo. Dei 330 milioni di euro richiesti dalle circa 43mila imprese che hanno fatto domanda, solo 211 milioni sono stati effettivamente erogati. E, cosa più preoccupante, il 25% delle aziende non ha ancora ricevuto un centesimo.

La ristorazione italiana attende il bonus. Nel frattempo da un lato cerca di ripartire, sperando in una precoce revisione sul coprifuoco (che potrebbe essere spostato alle ore 23). Ma anche in un anticipo sulla possibilità di fare servizio al tavolo anche al chiuso (ad oggi prevista dal 1 giugno e solo a pranzo, in zona gialla). Dall’altro fa ancora i conti con un sistema di aiuti e sostegni che non ha mai funzionato a dovere. E, mentre ancora tutti aspettano di vedere nero su bianco la versione definitiva del prossimo decreto sostegni del Governo Draghi, il bilancio sulle misure già varate anche dal Governo Conte è ancora insoddisfacente.

I Bonus per la ristorazione

Come quello sul “Bonus Ristorazione” voluto dall’allora Ministro delle Politiche Agricole Teresa Bellanova, per sostenere gli acquisti di materia prima da parte dei ristoranti. Ebbene, secondo la Fipe/Confcommercio, “a nove mesi dall’entrata in vigore del decreto agosto, che conteneva il cosiddetto “bonus Bellanova” per l’acquisto di prodotti agroalimentari locali, i contributi alle aziende sono ancora fermi al palo.

Dei 330 milioni di euro richiesti dalle 43.000 imprese che hanno fatto domanda, solo 211 milioni sono stati effettivamente erogati. E, cosa più preoccupante, il 25% delle aziende non ha ancora ricevuto un centesimo”.

Le difficoltà di erogazione

“Ci sentiamo presi in giro – commenta Fipe/Confcommercio, la Federazione Italiana dei Pubblici Esercizi – è inconcepibile che un bonus finanziato per far fronte a una situazione di emergenza, rimanga bloccato dai ritardi burocratici. Il Ministero delle Politiche Agricole e Poste Italiane devono velocizzare immediatamente le erogazioni agli imprenditori che hanno diritto ai contributi promessi.

Migliaia di pubblici esercizi in questo momento stanno rialzando la testa ma si trovano ancora in bilico tra ripresa e fallimento. Ogni euro è prezioso, soprattutto quelli sui quali si è già fatto affidamento. Ci auguriamo che la situazione possa essere sanata quanto prima”.

Intanto, la stessa Fipe/Confcommercio, il 18 maggio a Roma, alla presenza tra gli altri del Ministro per lo Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti, presenterà il suo Rapporto Ristorazione 2020. Quest’ultimo approfondirà i numeri dell’anno più nero della ristorazione. Inoltre illustrerà anche i risultati di un’indagine svolta tra gli operatori del settore sulle prospettive per il 2021. Oltre al lancio della campagna di comunicazione #IlSolito, promossa in collaborazione con aziende come Coca-Cola, Lavazza, Perfetti Van Melle e Sanpellegrino.

About Stefania Crobu

Studentessa di Beni culturali e spettacolo. Appassionata di arte, cinema, musica, sport e cucina.

Controlla anche

Uniss: Modem e SIM agli studenti contro il Digital Divide

Gli studenti privi di connessioni ad internet e che avevano fatto richiesta possono finalmente ritirare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *