Alexa Unica Radio
tulip 6206619 1920

L’8 maggio si è celebrata la Giornata mondiale del tumore ovarico

Sono 50.000 le donne che in Italia sono affette da tumore ovarico. Women for Oncology Italy si rivolge alle donne e alle istituzioni sanitarie: “Rivolgetevi a centri qualificati e che il test BRCA sia dato a tutte le pazienti”.

Il tumore ovarico è la malattia tumorale femminile meno conosciuta, più sottostimata, che colpisce ogni anno più di 5mila donne. E’ un tumore aggressivo e silenzioso, spesso viene diagnosticato in fase avanzata, nell’80% dei casi, con poche possibilità di guarigione, perché per questo tumore non esiste prevenzione. E’ considerato il più letale tra i tumori ginecologici, uccide circa 3.200 donne, ed è il sesto per frequenza tra i tumori femminili. In Italia convivono con questa neoplasia 50mila donne.

La sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi è cresciuta dal 30% al 45% negli ultimi 10 anni. Questo è stato possibile grazie alle nuove cure che, consentono alle pazienti di vivere più a lungo anche se con la malattia. Ad esempio Antiangiogenetici e Parp inibitori. Di tumore ovarico si torna a parlare in occasione della Giornata mondiale sul tumore ovarico che si è celebrata sabato 8 maggio. È stato un momento per informare e sensibilizzare le donne sulla patologia e sulla possibilità di curarsi.

La parole delle esperte

L’appello rivolto alle donne arriva da Women for Oncology Italy, il network a sostegno delle professioniste dell’oncologia italiana istituito 5 anni fa come spin-off della Società Europea di Oncologia Medica (ESMO). ESMO è da sempre in prima fila con iniziative concrete per combattere la battaglia contro il tumore ovarico, quanto mai attuale. “È importante prendersi cura di sé, anche in questa patologia in cui è difficile fare prevenzione, poiché non esistono programmi di diagnosi precoce. È importante rivolgersi a centri qualificati di riferimento per questa patologia così come ricevere il test genetico per la valutazione del gene BRCA. Abbiate fiducia verso terapie innovative che hanno cambiato e sempre più cambieranno la pratica clinica“.

Rossana Berardi, è la Presidente di W4O e direttrice della Clinica Oncologica dell’Università Politecnica delle Marche e dell’AOU Ospedali Riuniti di Ancona. Spiega: “I test genetici rivelano alle persone tutti i segreti nascosti nel DNA e aiutano a quantificare il loro rischio di ammalarsi. Per il tumore dell’ovaio è importante ricercare la presenza di mutazioni dei geni BRCA1 e BRCA2, importanti sia per valutare l’ereditarietà che la possibilità di beneficiarsi di farmaci innovativi inibitori di PARP“.

Domenica Lorusso è invece Professore associato di Ostetricia e Ginecologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore e Responsabile della ricerca clinica presso la Fondazione Policlinico Gemelli IRCCS. “Stiamo vivendo un momento estremamente interessante nella cura del tumore ovarico. Gli avanzamenti delle tecniche chirurgiche e le nuove terapie mediche, tra cui i parp inibitori, stanno cambiando la storia della malattia sia nelle pazienti portatrici della mutazione BRCA sia nei tumori non mutati e, mai come in questo momento, la ricerca sta aprendo nuove frontiere di cura che ci porteranno, se non alla guarigione, alla cronicizzazione della malattia per un numero sempre maggiore di pazienti“, conclude la Lorusso.

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Giulia Demuru

Studentessa presso l'Università di Cagliari - Filosofia e teorie della comunicazione

Controlla anche

magazine

Il 3 maggio è la Giornata Mondiale della Libertà di Stampa

Il 3 maggio viene celebrata la Giornata Mondiale della Libertà di Stampa istituita dall’Onu. Un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *