Alexa Unica Radio
alberi

Bitti: 150 alberi a dimora su iniziativa di Sardegna solidale

150 alberi sono stati messi a dimora questa mattina a Bitti. Tutto ciò per l’avvio della campagna “Pianta un albero: è un gesto d’amore“, promossa dal Csv Sardegna solidale in collaborazione con l’agenzia Forestas.

Centocinquanta alberi, 70 di alloro, 40 di leccio e altrettanti di carrubo, sono stati messi a dimora questa mattina a Bitti per l’avvio della campagna “Pianta un albero: è un gesto d’amore“. Una campagna promossa dal Csv Sardegna solidale in collaborazione con l’agenzia Forestas.

È un evento di grande e doppia valenza simbolica – sottolinea Giampiero Farru, il presidente del Centro Servizi per il Volontariato. “A Bitti, pochi mesi fa, una terribile alluvione ha ucciso tre persone e stravolto la vita dell’intero paese, con danni ingentissimi che hanno fortemente provato la comunità. È un’immagine che abbiamo ancora nei nostri occhi e nelle nostre menti, e che rappresenta la missione e il senso del volontariato“.

Gli obbiettivi e le prossime tappe

La piantumazione dei nuovi alberi darà impulso alla riqualificazione già in atto dell’area sportiva del paese, sempre più punto di riferimento quotidiano di bambini e famiglie.

Come Comune, anche grazie a donazioni giunte a Bitti dopo l’alluvione dello scorso 28 novembre, abbiamo già predisposto una serie di interventi per valorizzare tutta l’area – conferma l’assessore all’Ambiente Cristian Farina. “Dall’allestimento di un parco giochi per i più piccoli alla sistemazione dei campi da tennis, dal ripristino della fontanella alla messa in sicurezza di tutto il sito sportivo. È nostro obiettivo rendere sempre più vivi gli spazi di socialità dei bambini che, a causa della pandemia e dell’alluvione, hanno pagato un prezzo pesantissimo in termini di restrizioni e disagi“.

Il Volontariato sardo metterà a dimora complessivamente 5.000 piantine in numerosi Comuni dell’Isola. Da oggi all’autunno saranno almeno 40 gli appuntamenti di “Pianta un albero“. Domani sarà la volta di Tergu (ore 9:30, via Italia e Zona Piano 167) e Perfugas (ore 12, chiesa di Santa Maria de Fora); venerdì Oristano (ore 10, Comunità “Il Gabbiano” in viale della Repubblica 24) e Laerru (ore 16, Giardini pubblici). Dopodiché: Tortolì (8 maggio, ore 10:30, IANAS, viale Santa Chiara); Nulvi (8 maggio, ore 9:30, Sa Corte de sos Padres); Tempio Pausania (10 maggio, ore 11, Oltu di li Frati); Villacidro (17 maggio, ore 10:30, Parco di via Farina). Seguiranno infine Cagliari, Carbonia, Uri, Mogoro e Iglesias.

About Ilaria Atzei

Mi chiamo Ilaria e frequento l'ultimo anno della triennale di Beni Culturali e Spettacolo dell'Università di Cagliari.

Controlla anche

A Cagliari la prima edizione del festival letterario Neanche gli Dei

Tutto pronto a Cagliari per il debutto del festival Dal 18 novembre al 21 il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *