Janas

Lotta alla Fibromialgia, luce viola al Bastione

In occasione della Giornata mondiale della Fibromialgia, il Bastione Saint Remy si tingerà di viola. L’iniziativa nasce dal Comitato Fibromialgici che ha promosso un progetto che coinvolgerà tutte le città della Sardegna.

Mercoledì 12 maggio si celebra la Giornata mondiale della Fibromialgia. Si tratta di una sindrome dolorosa che colpisce a livello nazionale oltre 3 milioni di cittadini. Per espressa volontà del sindaco di Cagliari Paolo Truzzu, che da anni ha a cuore il problema, il Bastione di Saint Remy si tingerà di viola. Il Comitato Fibromialgici uniti si è fatto promotore del progetto “Comuni a sostegno” e “Accendiamo la luce sulla fibromialgia”. L’iniziativa verrà promossa a Cagliari e in tutte le altre città della Sardegna.

In Consiglio Comunale sono già state presentate un paio di mozioni. La prima del Gruppo Fdi a firma Stefania Loi e la seconda del Psdaz a firma Roberto Mura. A oggi, si riscontrano diverse difficoltà nell’affrontare una malattia subdola per la quale vi è ancora una mancanza di riconoscimenti ufficiali. Per la fibromialgia infatti non esistono ancora adeguati protocolli diagnostici. Pazienti e familiari sono dunque costretti al classico “nomadismo” sanitario che causa spese ingenti, numerose visite e periodi di assenze lavorative.

La fibromialgia o sindrome fibromialgica è una malattia cronica che provoca dolore diffuso, astenia (ovvero indebolimento e stanchezza ingiustificate da uno sforzo fisico) e rigidità muscolare. Quasi sconosciuta fino a pochi anni fa, la fibromialgia è stata oggetto di numerosi studi che hanno apportato nuove conoscenze, anche da un punto di vista epidemiologico.

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Mattia Atzeni

Amo addentrarmi negli infiniti universi creati dal Cinema. Respiro agonismo seguendo e praticando vari sport. Amo la musica vintage e lo stile retrò.

Controlla anche

Alcohol Prevention Day, ecco i dati

Nel corso dell’ Alcohol Prevention Day 2021 (tenuto il 14 maggio), si è discusso sui …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *