Alexa Unica Radio
studenti

Il Comune di Neoneli (OR) vara un piano per il diritto allo studio

Borse e premi di laurea, contributi per acquisto di libri, trasporti e affitti per riconoscere il valore degli studenti. Si tratta di favorire la prosecuzione dello studio e di stimolare un maggior profitto scolastico. Queste sono le proposte del Comune di Neoneli.

Un’importante intervento del Comune di Neoneli a sostegno degli studenti del paese del Barigadu, in provincia di Oristano. La settimana scorsa l’amministrazione guidata dal sindaco Salvatore Cau ha infatti approvato un piano per il diritto allo studio. Il piano prevede tredici linee di intervento distinte, per una spesa complessiva di 43.205 euro, di cui 40.700,00 euro di fondi propri di bilancio (oltre alle spese varie di gestione e manutenzione – utenze elettrica, idrica, telefonica e di riscaldamento).

Il piano mira a riconoscere il valore degli studenti di Neoneli. Essi sono 86 in tutto, tra: Scuola Materna (cinque alunni); Scuola Primaria (diciassette); Scuola Secondaria di primo (tredici studenti) e di secondo grado (ventisette); universitari (ventiquattro). Lo scopo è quello di favorire la prosecuzione degli studi ai capaci e meritevoli. Si tratta di stimolare così un maggior profitto scolastico attraverso contributi di merito, borse di studio e premi di laurea per gli studenti dalla terza classe della scuola secondaria di primo grado sino all’università.

I contributi previsti

Sono previsti interventi sui costi di trasporto per gli alunni pendolari delle scuole superiori. Ma anche rimborsi delle spese di viaggio per gli universitari che abitano nei centri in cui studiano, a Cagliari, a Sassari e anche fuori dall’isola. si tratta di un aiuto economico alle famiglie e un incentivo per un più frequente ritorno a casa e quindi per rinsaldare il legame dei giovani neonelesi con il paese.

E ancora, rientra nel piano un contributo forfettario per le spese di affitto, libri di testo gratuiti per le scuole dell’obbligo e per le secondarie di secondo grado. Ma anche contributi per attività extrascolastiche formative e ricreative, come viaggi di istruzione, eventi ludico-ricreativi, visite guidate con finalità culturali. Mentre si sta già organizzando, di concerto con il dirigente scolastico, un progetto di orientamento scolastico con professionisti del settore.

Completa il quadro degli impegni un contributo di tremila euro all’Istituto Comprensivo di Samugheo, interamente da fondi del bilancio comunale, a sostegno degli alunni della Scuola dell’Infanzia, della Scuola Primaria e della Secondaria di primo grado. Nelle prossime settimane il Comune pubblicherà i bandi relativi alle borse di studio, ai rimborsi delle spese di viaggio e ai contributi per l’affitto.

L’istruzione come principio fondamentale della nostra società

Formazione e istruzione sono tra i principi fondamentali della nostra società. Alla pari dei diritti alla sanità e alla mobilità, sanciti dalla Costituzione e fondativi dell’Autonomia della Sardegna” sottolinea il sindaco di Barigadu Salvatore Cau. “La situazione della scuola nell’Isola è però preoccupante. La nostra regione è distanziata di nove punti e mezzo dalla media nazionale, che si attesta sul 14,5 per cento. La Fondazione Open Polis, sempre molto puntuale nel fotografare la situazione giovanile sotto il profilo dell’istruzione, ci dice che gli abbandoni scolastici sono in aumento. Ciò soprattutto nel sud e nelle isole, con la Sardegna che svetta con la percentuale più elevata (23 per cento), seguita dalla Sicilia (22 per cento) e dalla Calabria (20 per cento)“.

A peggiorare la situazione sarda – continua – è poi la condizione delle aree interne, dove mandare i figli a scuola implica un maggiore dispendio di energie psicofisiche per i ragazzi e sacrifici economici per le loro famiglie; famiglie che, tra l’altro, sempre più spesso preferiscono trasferirsi nei centri maggiori dove mandare i figli a scuola è più semplice e conveniente, contribuendo così allo spopolamento dei paesi dell’interno, come Neoneli. Per tutte queste ragioni – conclude – come amministrazione comunale ci sentiamo in dovere di portare avanti una politica fortemente incentrata sul diritto allo studio. Perché, come recita l’articolo 34 della Costituzione, la scuola è aperta a tutti. L’istruzione inferiore è obbligatoria e gratuita, e i capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi“.

About Ilaria Atzei

Mi chiamo Ilaria e frequento l'ultimo anno della triennale di Beni Culturali e Spettacolo dell'Università di Cagliari.

Controlla anche

educazione scolastica

Superare la Povertà Educativa

E’ tempo per una grande politica nazionale tesa a battere il fallimento formativo in Italia. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *