Janas
bacteria 359956 1920
bacteria 359956 1920

Arrivano i batteri ‘mangia plastica’ per riciclare i rifiuti organici

Il progetto sui batteri “mangia plastica” ideato da un team tutto al femminile dell’Università di Milano-Bicocca, guidato da Jessica Zampolli e diretto dalla professoressa Patrizia Di Gennaro

 

Liberare i rifiuti organici dai residui di plastica a base di polietilene grazie ai batteri in grado di ‘digerirla’. È l’obiettivo di Micro-Val (Microrganismi per la VALorizzazione di rifiuti della plastica); il progetto ideato da un team tutto al femminile dell’Università di Milano-Bicocca, guidato da Jessica Zampolli, assegnista di ricerca presso il laboratorio di Microbiologia diretto dalla professoressa Patrizia Di Gennaro del Dipartimento di Biotecnologie e Bioscienze.

Infatti, si tratta del quarto progetto lanciato quest’anno da Biunicrowd, il programma di finanza alternativa dell’Ateneo, promosso per consentire a studenti; ex studenti, docenti; ricercatori e dipendenti di realizzare progetti innovativi e idee imprenditoriali attraverso campagne di raccolta fondi su Produzioni dal basso; prima piattaforma di crowdfunding e social innovation. 

“Una soluzione per la riduzione di queste plastiche che contaminano i rifiuti organici urbani; spiega Jessica Zampolli; è la rottura e la trasformazione delle catene del polimero. Questo processo può avvenire grazie all’utilizzo di microrganismi(batteri) in grado di biotrasformare e biodegradare; almeno parzialmente; il polietilene”. Micro-Val si articolerà in due fasi. Le prove in laboratorio serviranno a studiare le proprietà dei batteri mangia-plastica; e a valutarne la loro efficacia per liberare la frazione organica dei rifiuti solidi urbani (Forsu); dalla componente di rifiuto indesiderato, costituita per lo più da polietilene (circa 5%).

Nella seconda fase, il team di ricerca verificherà la possibilità di applicare il trattamento biologico per uno scale-up in un impianto; in collaborazione con un’azienda leader nel settore del il riciclo di rifiuti. Il progetto prevede anche lo sviluppo di un’applicazione per smartphone; che fornirà consigli all’utente nello svolgimento della raccolta differenziata, permettendo a ogni cittadino di contribuire all’ambizioso obiettivo del team di ricerca. 

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Camilla Bruno

Camilla Bruno
Nel 2014 mi sono diplomata in flauto traverso al Conservatorio, attualmente frequento la facoltà di Beni Culturali e Spettacolo, e dal 2018 insegno musica privatamente. Sono appassionata di cinema di musica e di arte. Oltre all’esperienza nella gestione social di realtà come il Cineclub FEDIC di Cagliari, negli ultimi anni ho approfondito i miei studi nel campo degli audiovisivi e del mercato dell’arte. Attualmente sono l'amministratrice del progetto di art management Visual Scout.

Controlla anche

libro

Tab edizioni: Anichini e Giorgi presentano il loro nuovo libro il 7 maggio

In occasione della quarta edizione di Feminism – Fiera dell’editoria delle donne, tab edizioni presenta online …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *