Janas
quaderno di eurydice sistemi scolastici europei

Quaderno di Eurydice Italia: le strutture dei sistemi educativi europei

Il numero appena pubblicato della collana I Quaderni di Eurydice Italia dedica come ogni anno la sua attenzione alle strutture dei sistemi educativi europei. Presenta i diagrammi dei singoli Paesi aggiornati all’anno scolastico e accademico 2020/2021.

Il Quaderno “Strutture dei sistemi educativi europei: diagrammi 2020/2021” si compone di una breve parte introduttiva. Essa illustra i principali modelli organizzativi dell’istruzione obbligatoria in Europa; di una guida alla lettura dei diagrammi, che ne presenta i principali elementi; nonché di una legenda esplicativa dei termini. Questa prima parte si conclude con la Classificazione internazionale standard dell’istruzione (ISCED 2011).

Per quanto riguarda i modelli organizzativi, in Europa sono diffuse tre modalità organizzative dell’istruzione primaria e secondaria inferiore. La prima prevede un’istruzione a struttura unica, tipicamente caratterizzante i Paesi nordici (ad esempio Finlandia e Svezia). Qui l’istruzione viene offerta senza transizioni dall’inizio alla fine del percorso scolastico obbligatorio; la seconda prevede l’offerta di un curricolo comune di base. In questo caso al completamento dell’istruzione primaria si passa all’istruzione secondaria inferiore seguendo appunto un curricolo comune di base di tipo generale. Tipologia, questa, che si riscontra in Paesi quali l’Italia, la Francia, la Spagna; la terza, infine, è caratterizzata da un’istruzione secondaria inferiore differenziata, come quella che si trova nel sistema educativo tedesco, fortemente improntato su questo modello.

Cambiamenti messi in evidenza

I diagrammi 2020/2021 mettono in evidenza alcuni cambiamenti. In determinati Paesi, le riforme del sistema di istruzione e formazione sono in fase di completamento. Come in Grecia, dove l’istituzione della scuola pre-primaria come obbligatoria si trova al terzo e ultimo anno scolastico della sua messa a regime. Altri Paesi sono ancora in fase di implementazione della loro organizzazione scolastica. Come la Polonia, che dal 2017 ha avviato una radicale riforma dell’istruzione secondaria superiore generale e professionale. Inoltre vedrà la piena implementazione della nuova organizzazione solo nell’a.s. 2022/2023. Infine, in altri Paesi ancora, ci sono novità come l’anticipo dell’obbligo scolastico. Questo modello si riscontra ad esempio nelle tre Comunità del Belgio (francese, fiamminga e tedesca). A partire dal presente anno scolastico l’istruzione obbligatoria include anche l’ultimo anno del percorso di educazione e cura della prima infanzia.

In generale, i diagrammi dei sistemi educativi europei rispondono a domande sull’organizzazione dei sistemi di istruzione e formazione in Europa. Quanti anni dura l’istruzione obbligatoria in Francia? Quanti e quali percorsi caratterizzano l’istruzione secondaria superiore in Slovacchia? Com’è articolato il sistema di istruzione secondaria professionale nei Paesi Bassi? Come è strutturata l’istruzione terziaria a Malta? La legenda che precede i diagrammi consente di ‘tradurre’ livelli e tipologia di istruzione, indica la corrispondenza dei vari livelli di istruzione con i livelli della Classificazione (ISCED 2011), oltre che specificare se il sistema educativo in questione offre corsi combinati scuola lavoro o se è presente un percorso di istruzione/formazione obbligatoria a tempo parziale.

Il nuovo Quaderno di Eurydice costituisce un ottimo punto di partenza per approfondire lo studio di un sistema educativo in particolare, o per mettere a confronto la struttura e le caratteristiche dei sistemi educativi di più Paesi, dal livello preprimario al livello terziario di istruzione.

 
 
Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Barbara Mancosu

Barbara Mancosu
Studentessa in Beni Culturali e Spettacolo

Controlla anche

download 1 1

Tumore ovarico: si celebra la Giornata mondiale di questa neoplasia

L’8 maggio si celebra la Giornata mondiale del tumore ovarico. In Italia 50.000 donne convivono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *