Janas

Covid, Ema avvia revisione monoclonale

GlaxoSmithKline e Vir Biotechnology annunciano che l’Agenzia europea per i medicinali (Ema) ha avviato una revisione di un anticorpo monoclonale a doppia azione sperimentale.

GlaxoSmithKline e Vir Biotechnology hanno annunciato oggi che l’Agenzia europea per i medicinali (Ema) ha avviato una revisione di Vir-7831. Si tratta di un anticorpo monoclonale a doppia azione sperimentale, per il trattamento di adulti e adolescenti (di età pari o superiore a 12 anni e di peso pari o superiore a 40 kg) con Covid-19 che non richiedono integrazione di ossigeno e che sono ad alto rischio di progredire in una forma grave di malattia. E’ quanto si legge in una nota Gsk.

La revisione è condotta dal Comitato per i medicinali per uso umano (Chmp) dell’Ema. Fornirà raccomandazioni a livello di Unione europea per le autorità nazionali che possono prendere decisioni basate sull’evidenza sull’uso precoce del medicinale, prima di qualsiasi domanda formale di autorizzazione all’immissione in commercio. La revisione includerà i dati di un’analisi ad interim dei dati di efficacia e sicurezza dello studio di fase 3 Comet-Ice. Quest’ultimo ha valutato Vir-7831 come monoterapia per il trattamento precoce di Covid -19 negli adulti ad alto rischio di ospedalizzazione.

I risultati dell’analisi ad interim sono basati sui dati di 583 pazienti randomizzati. Hanno dimostrato una riduzione dell’85% dell’ospedalizzazione o della morte in coloro che hanno ricevuto Vir-7831 rispetto al placebo, l’endpoint primario dello studio. Di conseguenza, l’Independent Data Monitoring Committee ha raccomandato di interrompere lo studio per l’arruolamento a causa di prove di profonda efficacia.

Concessa una determinazione provvisoria

La revisione del Chmp prenderà in considerazione anche i dati sulla qualità e la sicurezza del medicinale. Questa settimana, l’Australian Therapeutics Goods Administration (Tga), parte del dipartimento della Salute, ha concesso a Vir-7831 una determinazione provvisoria. Si tratta del primo anticorpo monoclonale anti-Sars-Cov-2 ad aver ottenuto questa designazione. Ciò fornisce un meccanismo formale e trasparente per accelerare la registrazione di nuovi farmaci promettenti con dati clinici preliminari. Vir-7831 è un composto sperimentale e non ha ottenuto l’autorizzazione all’immissione in commercio in nessuna parte del mondo. Una domanda di autorizzazione all’uso di emergenza per Vir-7831 è stata presentata alla Food and Drug Administration statunitense.

I dati preclinici “suggeriscono che Vir-7831 prende di mira un epitopo altamente conservato della proteina spike Sars-CoV-2, che può rendere più difficile lo sviluppo di resistenza. Nuovi dati in vitro da saggi di virus pseudotipati sono stati pubblicati online su bioRxiv. I dati supportano questa ipotesi poiché dimostrano che Vir-7831 mantiene l’attività contro le attuali varianti circolanti che destano preoccupazione, comprese le varianti del Regno Unito, del Sud Africa e del Brasile. Sulla base di ulteriori dati preclinici pubblicati su bioRxiv, sembra che anche Vir-7831 mantenga l’attività contro la variante della California. Gsk ha in programma di presentare una domanda di autorizzazione all’immissione in commercio completa all’Ema che includerà i dati dello studio Comet-ice“, spiega una nota.

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Mattia Atzeni

Amo addentrarmi negli infiniti universi creati dal Cinema. Respiro agonismo seguendo e praticando vari sport. Amo la musica vintage e lo stile retrò.

Controlla anche

USA: maggiori libertà a chi è pienamente vaccinato

Niente più mascherine e distanziamento sociale per chi è vaccinato. Le città USA vanno verso …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *