Alexa Unica Radio

Nasce “Save the green”, il progetto per riciclare meglio

L’azienda Domopak Spazzy, attiva nella produzione di sacchi da plastica riciclata da post-consumo, ha lanciato il progetto “Save The Green”, nato in collaborazione con l’App Junker. 

Junker si è conquistata uno spazio digitale significativo tra le app in Europa. “Save the Green” aiuterà i cittadini a differenziare i rifiuti da packaging in maniera semplice e senza errori. Grazie a un database in continuo aggiornamento, composto da oltre 1,6 milioni di prodotti, basta inquadrare il codice a barre dell’imballaggio o, se non presente, scattare una foto, per sapere in tempo reale di quali materiali è composto e come va conferito.

Grazie alla geolocalizzazione del device, tutte le informazioni fornite rispettano le specifiche regole del Comune in cui si trova l’utente e sono validate dai Consorzi delle materie. Il progetto Save The Green vuole aiutare gli Italiani a fare la raccolta differenziata rendendo ancora più accessibile l’utilizzo di Junker. Lo fa grazie ad un QR Code, presente sul pack dei prodotti Domopak Spazzy, che permetterà di scaricare l’App. Scaricando Junker, potremo così differenziare al meglio e aiutare in questo modo il processo di economia circolare. 

È importante sapere, ad esempio, che l’alluminio può essere riciclato all’infinito diventando nuovi contenitori. Oppure, che riciclando 1KG di plastica si risparmiano 2,3 Kg di petrolio e 1,3 Kg di emissioni CO2. Inoltre, la vaschetta di alluminio sporca di cibo non va buttata nell’indifferenziato ma nell’apposito bidone di smaltimento. La carta da forno, invece, se biodegradabile e compostabile come quella Cuki e Domopak, se presenta residui alimentari consistenti deve essere smaltita.

About Mattia Atzeni

Amo addentrarmi negli infiniti universi creati dal Cinema. Respiro agonismo seguendo e praticando vari sport. Amo la musica vintage e lo stile retrò.

Controlla anche

‘Hack to the Future’, vince progetto anti-diabete

“Olimpiadi della salute 2.0” è il progetto premiato da Hack to the Future. Obiettivo dell’iniziativa: …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *