Janas
professionista

In Sardegna il tasso di occupazione è 4 punti inferiore al resto del Paese

Gli effetti della pandemia si fanno sentire soprattutto sul mercato del lavoro. In Sardegna si registra una percentuale tra inattivi e disoccupati più alta rispetto alla media nazionale e un tasso di occupazione inferiore oltre 4 punti a quello del Paese.

In Sardegna si registra una percentuale di inattivi a un tasso di occupazione del 53,8%. Tra i professionisti crescono veterinari e attività scientifiche, ma soffrono commercialisti e consulenti d’impresa. E rimane ancora troppo ampio il gap di genere. Sono alcuni dei dati che emergono dal rapporto regionale sulle libere professioni in Sardegna presentato da Confprofessioni.

Il mercato del lavoro sardo registra tra il 2011 e il 2019 una diminuzione dell’1,9% degli occupati. Un calo che colpisce soprattutto gli indipendenti (-8,7%), gli imprenditori (-42,7%), coadiuvanti familiari, collaboratori e soci di cooperativa (-40,6%) e i lavoratori autonomi (agricoltori, artigiani e commercianti) che calano dell’1,3%.

Crescono invece dello 0,6% dei lavoratori dipendenti e del 2,8% i liberi professionisti, che, con circa 28 mila unità al 2019. Essi costituiscono però il 19,3% dei lavoratori indipendenti sardi, dato che si colloca nettamente al di sotto dell’aggregato nazionale (27%).

Dal rapporto emerge comunque un settore professionale che prova a reagire alla crisi. Tra il 2011 e il 2019 nella Regione si registra un aumento di: veterinari e addetti ad altre attività scientifiche (+146,1%); le professioni tecniche (architetti, ingegneri) segnano una crescita significativa (+19,4%); anche avvocati e notai tengono il passo (+4,9%). Soffrono invece i professionisti di: area amministrativa (-26,6%); di commercio, finanza e immobiliare (-7,9%); di sanità e assistenza sociale (-2,4%); dei servizi alle imprese (-26,8%). Settori nei quali il ricambio generazionale fatica a decollare.

Tra il 2011 e il 2019, infatti, si registra una diminuzione dei professionisti nella fascia d’età tra i 15 e i 34 anni, che non superano il 12% del totale dei professionisti sardi. Ad attrarre i più giovani sono invece le professioni legate a: la sanità e assistenza sociale che passa dal 11% nel 2011 al 30% nel 2019; l’Area Legale, che passa dal 2 all’8%; l’area amministrativa (dal 3 al 17%); e il settore dei veterinari, in cui i giovani tra i 15 e i 34 anni passano dal 5 al 25%.

Anche in Sardegna si conferma, come in tutta la Penisola, un marcato gap di genere tra professionisti e professioniste in ogni fascia d’età. Gli uomini rappresentano il 63% dei professionisti sardi tra i 15 e i 34 anni, il 58% di quelli tra i 35 e i 44 anni, il 70% tra i 45 e i 54 anni, il 62% tra i 55 e i 64 e il 78% degli over 65.

Abc Musica La musica come non l'avete mai sentita!

About Ilaria Atzei

Ilaria Atzei
Mi chiamo Ilaria e frequento l'ultimo anno della triennale di Beni Culturali e Spettacolo dell'Università di Cagliari.

Controlla anche

sunset 3188764 1920

Discover Sardegna: una nuova arma per le Pubbliche Amministrazioni

Promuovere la Sardegna con musica e immagini. Nasce per questo Discover, un progetto di promozione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *