Alexa Unica Radio
vaccino covid-19

Covid-19: tre italiani su quattro sono favorevoli al vaccino

Il 76% degli intervistati è favorevole al vaccino Covid. Ma rispetto a gennaio i dubbi sono aumentati: a pesare è soprattutto la vicenda AstraZeneca.

I più informati sono anche più disponibili, per questo è importante trasparenza e corretta informazione sul piano vaccini. È quanto emerge da un’indagine condotta da Altroconsumo tra il 26 e il 30 marzo 2021. Ciò su un campione di 1.002 italiani di età 18-74 anni, distribuito come la popolazione generale per genere, età, livello di istruzione e area geografica. Ad essi è stata chiesta la posizione sul vaccino contro il Covid, inclusa l’opportunità di istituire un passaporto vaccinale. Quest’ultima opzione consentirebbe a chi ne è in possesso di ritrovare la libertà di spostamenti e la ripresa di almeno alcune attività, e infatti più della metà è favorevole,

Dopo la prima inchiesta, realizzata a gennaio – spiega l’associazione in una nota – abbiamo voluto verificare gli effetti sull’opinione pubblica delle vicende degli ultimi mesi. Tra cui, in particolare, la sospensione temporanea del vaccino AstraZeneca, legata alla possibile presenza di rari effetti indesiderati gravi“.

I dubbi sul vaccino

La percentuale di chi non ha remore e vorrebbe vaccinarsi il prima possibile, benché alta, è scesa dell’8% rispetto all’inchiesta di gennaio, effetto probabile delle preoccupazioni relative al vaccino AstraZeneca.

Se si vanno a vedere infatti le motivazioni di chi ha dei dubbi o non ha intenzione di vaccinarsi, al primo posto (52%) risulta proprio il timore di effetti indesiderati. Invece al secondo (33%) la mancanza di fiducia in alcuni vaccini. Uno su quattro (25%) ha risposto di non fidarsi del processo di realizzazione/approvazione dei vaccini. Mentre una su cinque (22%) risponde che non si vaccinerebbe a breve perché non appartiene a nessuna categoria a rischio. Per il 20% dietro ai vaccini ci sono interessi nascosti. Il 14% dichiara di non fidarsi dei vaccini in generale.

La sospensione temporanea delle vaccinazioni con AstraZeneca ha avuto un impatto negativo soprattutto sulla fiducia nella sicurezza di questo vaccino. Questo è ciò che dichiara il 63% degli intervistati. Coerentemente, il 71% dichiara di avere preoccupazioni, anche moderate, sulla sicurezza del vaccino AstraZeneca. Mentre le preoccupazioni per gli altri vaccini sono più contenute e meno diffuse. Tuttavia, per il 48% la sospensione temporanea di AstraZeneca ha provocato una minore fiducia anche nella organizzazione della campagna di vaccinazione in generale, per il 44% nelle altre vaccinazioni contro il Covid, per il 42% nella supervisione dell’Ema sulla sicurezza dei vaccini e ancora per il 42% sulla capacità del governo di salvaguardare la salute dei cittadini.

I più disponibili sono i giovani e gli over 64

Sono particolarmente disponibili a vaccinarsi i più giovani (82% disponibili tra gli under 35), presumibilmente per il desiderio di riprendere al più presto una vita normale. Ma in modo particolare anche le persone sopra i 64 anni, disponibili nell’87% dei casi. Dall’indagine emerge anche che più le persone si ritengono informate, più si dichiarano disponibili a farsi vaccinare. Parliamo dell’81% tra chi pensa di essere ben informato, contro il 67% tra chi si dichiara poco o per niente informato.

About Ilaria Atzei

Mi chiamo Ilaria e frequento l'ultimo anno della triennale di Beni Culturali e Spettacolo dell'Università di Cagliari.

Controlla anche

sclerosi multipla

Il neurologo: ‘Telemedicina per pazienti affetti da sclerosi multipla’

Colpisce la mielina, la sostanza bianca del sistema nervoso centrale, determinando disturbi neurologici che possono …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *